12.9 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Primo giorno di servizio sociali per Silvio Berlusconi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nessun commento e solo un sorriso da Silvio Berlusconi al primo giorno di
servizi sociali presso la Sacra Famiglia di Cesano Boscone. Quattro ore da
trascorrere con anziani malati di Alzheimer sulla base della sentenza del
Processo Mediaset.
Uscendo l’ex premier si è limitato a rispondere “bene grazie” ai cronisti
che gli chiedevano come fosse andata, prima di allontanarsi su una auto.
Berlusconi è arrivato poco dopo le nove del mattino. Giacca blu, t-shirt e
l’immancabile spilla di Forza Italia. Un stuolo di telecamere, reporter,
fotografi e curiosi lo attendeva, tra i quali molti giornalisti stranieri.
Una cronista tedesca si è detta sorpresa che debba fare solo quattro ore la
settimana per appena dieci mesi e per come, nonostante tutto, sia ancora
votato dagli italiani. Note sarcastiche sono state mosse anche da cronisti
francesi ancora affascinati dalla querelle di festini, battute e eccessi
noti in tutto il mondo. Non a caso Berlusconi è stato per diverso tempo
protagonista della satira di diversi programmi comici in Europa.
Il fascino internazionale del Silvio nazionale non accenna a calare. Una
sorta di attrazione fatale. Alcuni cronisti stranieri si sono anche detti
sorpresi che non sia finito in prigione. Certo le polemiche legate alle
ultime battute antitedesche del leader di Forza Italia hanno rialimentato
l’interesse dei media specie dalla Germania.
.Non sono mancate alcune grida di contestazione. Tra cui lo slogan “gli
italiani hanno un sogno nel cuore Berlusca a San Vittore”. Protagonista dei
cori Pippo Fiorito , esponente dei Cub (confederazione Unitaria di Base)
che ha dichiarato che i dipendenti non vogliono Berlusconi nella loro
struttura. Il sindacalista è stato subito allontanato. A quanto pare dentro
l’istituto sulla protesta pare prevalega la curiosità verso un personaggio
così noto.
Non si è certo per l’accanimento verso nessuno ma l’ironia dei cronisti
esteri è comprensibile. Dopo un vortice di Camere di Consiglio , sentenze,
polemiche perdurati per anni, con stuoli di avvocati e consulenti, che si
arrivi a una sentenza in cui la pena è di quattro ore settimanali in una
struttura a pochi chilometri da casa del condannato è un fatto che fa
certamente ironicamente sorridere in Europa. Questo mentre nel nostro ci
sono persone che devono fare anche più di mille chilometri per trovare un
parente incarcerato.
Certamente per gli anziani malati di Alzheimer la presenza del leader sarà
certamente un elemento di forte stimolo positivo. Ironia e vitalità sono
doti che non sono mai mancate al nostro Caimano nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano