4.8 C
Torino
giovedì, 1 Dicembre 2022

Piazza San Carlo, salta processo ad Appendino: atti alla corte d’Assise

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Niente processo d’appello per Chiara Appendino per i fatti di piazza San Carlo. Infatti durante l’udienza di oggi i giudici hanno accolto la richiesta del procuratore generale Carlo Maria Pellicano e delle parti civili trasmettendo gli atti alla corte d’Assise per competenza funzionale ed evitando così eventuali reclami su questioni di nullità per ragioni di carattere tecnico. 

Il procuratore generale Pellicano e i legali di parte civile, tra cui Caterina Biafora, hanno affermato che la competenza funzionale è della corte di Assise d’Appello:
l’accusa mossa ad Appendino e agli altri imputati è disastro e omicidio colposo, ma in un processo parallelo, già terminato in Cassazione, i quattro giovani imputati per avere scatenato il panico tra la gente spargendo spray al peperoncino a scopo di rapina hanno dovuto rispondere di omicidio preterintenzionale.
Il reato contestato ad Appendino non cambia e resta quindi in forma colposa: ma i giudici competenti sono quelli della corte di Assise di appello.

Si tratterà ora di fissare la nuova data del processo di secondo grado per l’ex sindaca e ora parlamentare M5s che era stata condannata a 18 mesi in primo grado. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano