20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Per la base Cinque Stelle difficile digerire un’alleanza con alcuni eletti Pd torinesi

Più letti

Nuova Società - sponsor
L'opinione
L'opinione
Le opinioni di Nuova Società. Per dare un vostro contributo scritto, dire la vostra, scriveteci a redazione@nuovasocieta.it oppure al direttore a.doi@nuovasocieta.it

In questi anni di impegno politico ho imparato che i trend elettorali sono molto difficili da arrestare.
Per esempio, guardate la storia del Movimento Cinque Stelle: hanno cercato in tutti i modi di tenerci fuori, ci hanno trattato come una banda di matti, ci hanno ripetuto che non avremmo mai e poi mai vinto.
Poi la storia è andata diversamente.
Allo stesso modo credo che la Lega di Salvini non si arresterà fino a quando non arriverà al Governo. Certo, qualcuno non mancherà di sottolineare che con noi ha governato per un anno. C’era però una differenza: allora tutti erano concentrati a massacrare strumentalmente il Movimento e a lodare contestualmente Salvini. Lodarlo non si sa bene per cosa visto che occupava il suo tempo a far nulla, escludendo selfie e mojiti vari.
Lui era assolutamente consapevole che così non poteva durare a lungo, che prima o poi qualcuno gli avrebbe chiesto conto di quanto (non) fatto e ha preferito mandare tutto all’aria. Ovviamente giusto in tempo per non pagarne il conto: la Lega continua ad essere il primo partito e a vincere praticamente ovunque, con la sola parentesi dell’Emilia-Romagna dove – a ben vedere – ha comunque fatto spaventare il mondo del centro sinistra.
Io sono convito che vincerà ancora, anche perchè il Movimento e il PD vivono la fase dell’amore non corrisposto. Quando a fatica si avvicinano un po’ esce fuori qualcuno, dall’una e dall’altra parte, che fa la sparata per rovinare subito tutto. E probabilmente nulla nascerà a livello locale tra noi e il PD. Basta guardare a Torino dove i dem hanno imparato ben poco dalla lezione presa nel 2016: sono convinti di vincere le elezioni facendo propaganda contro Appendino senza parlare mai di temi o idee, si concentrano a dire che non abbiamo fatto nulla sperando che qualche nostro deluso li voti per evitare l’arrivo della Lega a Palazzo civico.
Poi, detto molto sinceramente, vedo davvero complicato che la nostra base possa digerire un’alleanza con alcuni eletti del PD torinese che passano il tempo a demonizzarci.
Fateci caso, il PD torinese si concentra esclusivamente a fare sgambetti alla maggioranza 5 stelle (non riuscendoci quasi mai, tra l’altro) e continua a non capire che il vero pericolo per il 2021 è la coalizione di centro destra.
Mentre noi siamo in un momento molto confuso, dove ancora non sembriamo aver capito cosa vogliamo fare, soprattutto relativamente alla possibilità per Appendino di riprovarci per un secondo mandato, ammesso ovviamente che lei sia interessata a farlo.
In questo quadro il rischio che il centro destra, per la prima volta nella storia, conquisti Torino è ben concreto. Mi auguro che le vacanze estive possano portare a tutti buoni consigli.

Fabio Versaci
consigliere comunale a Torino Movimento Cinque Stelle

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano