7.7 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Pd Piemonte: “Servono norme per lavoro nei campi e non distinzioni tra italiani e stranieri”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

In una nota, il segretario piemontese del Partito Democratico, Paolo Furia, insieme con il responsabile agricoltura del partito, Graziano Moro, e il consigliere regionale Maurizio Marello, ritorno sull’argomento della mancanza di manodopera nel settore agricolo.

“I campi, della propaganda, non se ne fanno nulla. In questi giorni, chi frequenta le vigne vede ogni giorno con quale ritmo la natura cresce e si sviluppa”, dicono.

Aggiungono i Dem: “La nostra agricoltura era totalmente dipendente dal lavoro degli stranieri. L’80 per cento in viticoltura e forse di più nella frutticoltura. Molti di costoro sono rientrati nei loro paesi. Il risultato è che dobbiamo fare appello a loro come a tutti gli Italiani che possono essere disponibili al lavoro nei campi: disoccupati, studenti, cassaintegrati, pensionati, precettori di reddito di cittadinanza. Altrimenti tra qualche mese non si mangia”.

“Allora ci vogliono norme straordinarie: vouchers speciali, sostegno che la regione deve fare per l’alloggiamento degli stagionali, precise direttive sull’impiego. C’è tanta gente a casa che può lavorare”, spiegano dal Pd.

“Non facciamo distinzione tra italiani e stranieri. C’è bisogno di tutte le donne e gli uomini di buona volontà. La politica invece di fare annunci e propaganda faccia delle regole adeguate. Il Piemonte ad oggi non ha fatto nulla. E il tempo stringe”, concludono Furia, Moro e Marello.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano