19.5 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Pd, caos candidature: ancora lontano l'accordo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Domani è convocata la direzione nazionale

Come avevamo annunciato comporre le liste per il Partito Democratico sarebbe stato un lavoro difficilissimo, un equilibrio complicato dove non esistono regole certe e neanche le protezioni correntizie mettono al sicuro gli aspiranti candidati.
Dalla sede del Nazareno le riunioni vengono convocate e spesso quelle poche certezze raggiunte con equilibrismi vengono poi riviste in corso della giornata. E quanto sta succedendo a Roma ovviamente riguarda anche i piemontesi, i tanti (forse troppi) inseriti nell’elenco del segretario regionale Davide Gariglio. Nel delirio di queste ore, ampiamente previsto considerata la legge elettorale e i posti in netta riduzione per i democratici, pare veda meglio garantite le candidate donne: Silvia Fregolent, Anna Rossomando, Paola Bragantini e Chiara Gribaudo.
Certa pure la parlamentare uscente Francesca Bonomo, ma in un collegio incerto, dovrà giocarsela. A far le spese della ormai scontata candidatura della Bonomo nel suo collegio canavesano è la giovane rappresentante dei GD piemontesi, Ludovica Cioria.
La segretaria regionale dei Giovani democratici è apprezzata da molti, protetta dal ministro Maurizio Martina e stimata dallo stesso segretario Matteo Renzi, ma, a quanto si apprende, pare essere una “vittima” di questa folle corsa del tutti contro tutti.
Il quadro da comporre è complicato, perché oltre a dover incastrare i desideri dei singoli, le specificità che ognuno tenta di rivendicare su un territorio, bisogna trovare anche gli spazi per gli alleati. Questione alleati che inevitabilmente va di pari passo con i paracadutati e che irrita non poco i territori che, dopo la consultazione dei circoli, dovranno fare i conti più col sentimento della frustrazione che con quello della gioia. Insomma, quasi tutti scontenti.
Per domani mattina è confermata la direzione nazionale del Pd, momento in cui dovrebbe apparire finalmente il quadro nazionale composto dal gruppo ristretto (Matteo Renzi, Maurizio Martina, Lorenzo Guerini, Piero Fassino, Luca Lotti e Ettore Rosato). Alcuni scommettono su un rinvio, intanto i componenti della direzione iniziano a muoversi verso la Capitale.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano