18.7 C
Torino
venerdì, 12 Agosto 2022

Pd a Torino chiede la cittadinanza per Segre. La Lega è d’accordo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Chiara Foglietta, vice capogruppo del Partito Democratico ha depositato una mozione in consiglio comunale di Torino per conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. In un momento storico e sociale, dove una figura come quella della senatrice a vita, deportata e sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti, ci insegna a non rimanere indifferenti, ma sopratutto a raccontare alle giovani generazioni quello che è accaduto nel nostro Paese.

«Un gesto non solo simbolico» spiega Foglietta «Per riaffermare da che parte stiamo, da che parte sta Torino, una città che ha ricevuto la medaglia d’oro al valore militare per l’alto sacrificio nella Resistenza e nella lotta di Liberazione dal nazifascismo».

«La sua vita è testimonianza, le sue azioni lo sono. Gli ultimi avvenimenti che l’hanno vista coinvolta, insieme al clima di odio sociale che si sta sempre più diffondendo tra noi, sono risuonati come una chiamata. Un appello a diventare noi stessi “la sua scorta”, la nostra scorta. Liliana ci ha insegnato a non restare indifferenti rispetto all’imbarbarimento e alla violenza che sempre si riaffacciano nella storia e a non coltivare sentimenti di odio anche nei confronti di chi è responsabile della nostra e dell’altrui sofferenza, con il conferimento della cittadinanza onoraria Torino vuole ribadire il valore della memoria come leva per affermare la nostra avversione contro ogni potere totalitario, a prescindere da qualunque ideologia ».

«Prima del passaggio in Aula» conclude Foglietta «Che spero avvenga nel minor tempo possibile, ci tengo a ringraziare Sara Cariola e Alice Arena, amministratrici delle Circoscrizioni 4 e 5, perché sono state parti attive nell’ideazione e scrittura di questa mozione e il collega Mimmo Carretta che sta lavorando con intensità alla creazione di una Commissione Segre contro l’odio».

Sulla mozione è intervenuto anche Fabrizio Ricca capogruppo della Lega al Consiglio comunale di Torino: «Giustissimo dare cittadinanza onoraria a senatrice Segre. Ci auguriamo che questo gesto elimini le tante ambiguità contro popolo ebraico e popolo israeliano presenti a Torino e fomentate da aree politiche insospettabili».

«Siamo più che favorevoli al fatto che la senatrice Liliana Segre venga proposta come cittadina onoraria di Torino. È un gesto doveroso. Mi auguro che questa iniziativa serva a fare chiarezza e a dissipare definitivamente le tante ambiguità portate avanti da ambienti politici insospettabili e personaggi provenienti da contesti diversi, che ogni giorno attaccano il popolo ebraico e il popolo israeliano»  afferma il capogruppo della Lega «Quante volte abbiamo dovuto commentare e condannare esternazioni di esponenti di sinistra che predicavano contro Israele e contro i diritti degli israeliani? Troppe. Quante volte la doverosa commemorazione delle sofferenze che il popolo ebraico ha dovuto soffrire in passato non è stata seguita da un’attenta doverosa condanna delle sofferenze che il popolo ebraico che vive in Israele deve subire oggi, accerchiato da un terrorismo internazionale che vuole vedere questo Paese democratico sparire dalle cartine geografiche? Spesso, anzi, questa violenza ha trovato una legittimazione culturale a sinistra. Noi vogliamo che tutto ciò abbia fine e che la solidarietà sia una costante, anche quando i missili piombando dal cielo sulle case degli israeliani».

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano