23.4 C
Torino
venerdì, 12 Agosto 2022

PCOS, come si manifesta e quali sono le tipologie

Più letti

Nuova Società - sponsor

La sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo del sistema endocrino e metabolico che colpisce tra il 7- 10% delle donne in età fertile e la cui evoluzione varia da donna a donna ed è condizionata dalla terapia e dallo stile di vita. 

La PCOS ha una predisposizione genetica con un forte impatto sia sul fisico che sulla sfera emotiva e psicologica, poiché compromette l’equilibrio ormonale fisiologico con ripercussioni sul ciclo mestruale e la fertilità.

Ancora, recenti studi hanno evidenziato un aumentato rischio di complicanze metaboliche e cardiovascolari associate a tale sindrome quando non adeguatamente trattata.

I sintomi fisici ed emotivi più comuni 

La PCOS non è sempre facile da diagnosticare e le manifestazioni possono essere piuttosto diverse.

Infatti, nella sindrome dell’ovaio policistico sintomi come obesità, aumento della circonferenza addominale anche nelle donne normopeso, difficoltà a dimagrire, ciclo mestruale irregolare, irsutismo e pelle grassa e acneica sono senza dubbio tra i più comuni. 

Sul fronte psicologico, diversi studi in letteratura hanno dimostrato che circa il 34% delle donne che soffre di PCOS manifesta depressione, mentre il 45% manifesta ansia, incidendo così in modo importante sulla qualità della vita.

Quanti tipi di PCOS esistono?

Visto che segni e sintomi della sindrome possono manifestarsi in modo diverso, la comunità scientifica ha identificato 4 fenotipi di PCOS sulla base delle 3 manifestazioni principali per la diagnosi della sindrome. 

Secondo i criteri di Rotterdam, infatti, una donna per ricevere una diagnosi di PCOS deve manifestare 2 sintomi su 3 dei seguenti: iperandrogenismo e irsutismo, oligo/anovulazione, presenza di cisti ovariche. 

A seconda della presenza o assenza dei sintomi, la donna rientra in uno dei 4 gruppi: 

  • Fenotipo A: sono presenti tutti e 3 i sintomi della sindrome.
  • Fenotipo B: quando la donna lamenta disturbi del ciclo e segni di iperandrogenismo, ma non ha un ovaio policistico.
  • Fenotipo C: la donna ha ovaio policistico e segni di iperandrogenismo, ma i cicli ovulatori sono normali.
  • Fenotipo D: sono presenti disturbi ovulatori e ovaio policistico, ma sono assenti segni di irsutismo e iperandrogenismo.

Come raggiungere il benessere psicofisico

Per un corretto trattamento della PCOS, è quindi fondamentale ripristinare il benessere psico-fisico. 

Per questo motivo è necessario un approccio multidisciplinare in cui team di medici specialisti (ginecologi, endocrinologi, dermatologi, psicologi e nutrizionisti) lavorano per migliorare lo stato di salute della donna e la qualità della vita.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano