20 C
Torino
sabato, 4 Luglio 2020

Paolo Uggè, Conftrasporto: “Sulla Tav non si prendano in giro gli italiani”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Dalla sconfitta alla povertà, alla moltiplicazione dei pani e dei pesci: è sempre più “divina” o diabolica l’azione dei Cinque stelle al Governo». Il vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto Paolo Uggè interviene sulla Tav alla luce della pubblicazione nel sito del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture del rapporto costi-benefici dell’opera.

«Com’è possibile – chiede Uggè – che la Torino Lione ci costi 7 miliardi di saldo negativo se, in base agli accordi internazionali, all’Italia, tra la tratta nazionale e la quota parte (al netto dei contributi di Francia e soprattutto dell’Unione Europea) di quella internazionale saranno chiesti solo 4,7 miliardi di euro? Nel conteggio, le risorse che Francia e Unione Europea si sono impegnate a fornire non sono state considerate, come se l’intera opera la dovesse finanziare l’Italia – prosegue il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio – La questione non è di poco conto perché, se ai 7 miliardi si tolgono i contributi di UE e Francia, nonché le spese che saranno necessarie, in base a quanto scritto dalla relazione, per il ripristino dei cantieri e la chiusura dei contenziosi, il saldo costi-benefici diventa positivo di oltre 2 miliardi di euro. Uno che di trasporti si intendeva, amava dire che “coe ciacoe no se impasta fritoe” (con le chiacchiere non si fanno delle frittelle). Oggi assistiamo ad un’ondata di dichiarazione di incompetenti che sparano tesi senza avere le necessarie conoscenze».

- Advertisement -

«La Tav è frutto di due accordi internazionali , condivisa dalla Comunità europea per dare vita a un corridoio mediterraneo e rendere competitiva l’economia europea, non è il collegamento tra Torino e Lione – spiega Uggè – Per intenderci, non è la Torino Milano o la Napoli Roma, che di fatto hanno avvicinato due città trasformandole in città lineare. La Tratta della Torino Lione è parte di un corridoio».

- Advertisement -

«Gli accordi internazionali sono previsti da una legge approvata dal Parlamento, che solo con l’abrogazione di quegli atti si possono modificare. Il referendum è un atto democratico di grande importanza e prevede tempi e procedure di mesi, chi lo propone o è ignorante o prende in giro gli italiani. Si vada in Parlamento con una proposta di legge che abroga quanto già approvato; non farlo significa aver altri obiettivi di natura politica», propone Uggè.

«La Commissione costi benefici non può concludersi con un componente in contrasto con i risultati – tuona il vicepresidente di Conftrasporto – Non siamo in una giuria del tribunale, ma in un organismo tecnico che deve esprimersi unanimemente».

«Sui treni non saliranno i Tir completi, ma casse mobili o semirimorchi e, quindi, le affermazioni che riguardano il coinvolgimento del personale sono solo stupidaggini – fa presente il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio – I rifornimenti di carburante vengono effettuati laddove costano meno. Se si considera che un automezzo ha un’ autonomia di quasi due mila chilometri, già oggi i rifornimenti vengono effettuati nei Paesi con il prezzo più conveniente».

“Per quanto riguarda l’ambiente, il calcolo non può escludere l’elevato numero di automezzi che per collegarsi alle diverse destinazioni dell’ ovest europeo possono partire da Genova o da Novara o da altre località o viceversa. È come se per verificare i costi benefici dell’Alta velocità ci si limitasse alle tratte Milano/Torino o alla Roma /Napoli. Il calcolo deve considerare tutta la tratta per avere dati complessivi”.

Ultimo, ma non ultimo, Paolo Uggè affronta il discorso della sicurezza, i costi sociali, e chiede: «Quanto valgono la vita e l’incolumità delle persone in tema di costi benefici? Di questo aspetto si preferisce parlare poco. Le considerazioni sopra esposte non considerano ovviamente i ritorni derivanti dall’incremento dei livelli di occupazione e dalla riduzione dell’inquinamento che improvvisamente, dopo che per anni è stata una delle tante battaglie di ecologisti e uomini di governo, sembra non avere più importanza. Sulle accise rischiamo un vero testa coda: da un lato il Governo intende alzarle eliminando i rimborsi per i camion in quanto sussidi dannosi per l’ambiente, dall’altra, così facendo, finirà per rendere sempre meno conveniente per lo Stato la realizzazione di infrastrutture alternative alla strada e allora finirà col riempire l’Italia di strade e anziché potenziare le modalità alternative affiderà sempre più i trasporti al tutto gomma».

«L’autotrasporto magari ringrazierà pure – conclude Uggè – l’Italia tutta non saprei».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Coronavirus, una nuova ordinanza dalla Regione Piemonte

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio firmerà nelle prossime ore una nuova ordinanza. Dal 10 luglio sarà consentita...

‘Ndrangheta in Piemonte, Roberto Rosso ai domiciliari

Il tribunale del Riesame ha concesso gli arresti domiciliari a Roberto Rosso, l'ex assessore regionale del Piemonte in carcere a Torino dal...

Caso Ogr, Cirio: “Per martedì un incontro, troveremo soluzione”

A seguito delle polemiche sulla rilocazione del Covid Hospital inserito all'interno delle Officine Grandi Riparazioni,oggi Il il presidente della Regione Piemonte, Alberto...

Caso Ogr, Laus(PD): “E’ suicida l’idea di guardarle morire”

Il Senatore Mauro Laus del Partito Democratico chiede l'intervento di Regione e Comune per non lasciar morire le Officine Grandi Riparazioni, che...

Università Torino, stop borse di studio per gli “studenti violenti”

Niente borse di studio per gli universitari che sono considerati dei "violenti e facinorosi". Così è stato deciso da un provvedimento, definita...