8.5 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

“Panino da casa”: finiti i sopralluoghi arriva il via libera dal Comune

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

Si sono conclusi in anticipo di tre mesi i sopralluoghi in tutte le scuole di Torino per individuare gli spazi destinati al pasto collettivo e a quello domestico. Ne sono stati effettuati 160.

Lo ha comunicato l’assessora all’istruzione Federica Patti rispondendo a un’interpellanza presentata dal capogruppo Stefano Lo Russo in Consiglio Comunale. «Oggi sono partite le comunicazioni a tutte le scuole – ha precisato Federica Patti – per informare che da mercoledì tutto ciò che bisognava fare per ottemperare alla sentenza è stato fatto».

Nel ripercorrere le tappe della querelle nota come “guerra del panino”, nata a seguito della denuncia di molti genitori che voleva che i propri figli consumassero il cibo di casa e non della mensa e dalla sentenza del Tribunale che ha dato loro ragione, l’assessora ha ricordato come il Comune avesse individuato il primo quadrimestre come termine per completare i sopralluoghi.

«Nessuna sentenza – ha concluso l’assessora – ha mai previsto l’avvio del pasto da casa dal primo giorno di scuola né l’utilizzo misto del refettorio, ma concedeva il tempo per organizzarsi. Il Comune si era dato tempo fino a fine gennaio, ma la situazione si è risolta in tempi più rapidi del previsto».  Gli spazi da destinare al pasto collettivo e quello destinato al pranzo domestico sono stati individuati insieme ai dirigenti scolastici e alla aziende ristoratrici.

 

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano