21.3 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

Orrore a Livorno: straniero cattura e cucina per strada un gatto (VIDEO)

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La denuncia arriva da Lucia Borgonzoni, già candidata delle Lega in Emilia Romagna, la quale ha postato su Facebook un video a dir poco shoccante. Nel filmato messo sui social un migrante sarebbe intento a cucinare un gatto in mezzo alla strada, mentre viene ammonito da chi assiste alla scena. 

Racconta Lucia Borgonzoni che il fatto si è svolto in Toscana: “Cattura e si cucina un gatto per strada. Non scriverò ciò che penso perchè sarei da bloccare. Mi limito a dire “Ecco a voi la cultura che qualcuno vorrebbe importare e diffondere nel nostro Paese””

I fatti. L’uomo, 21 anni, ha ucciso un gatto e si è messo a cucinarlo accendendo un fuoco sul marciapiede vicino alla stazione di Campiglia Marittima, in provincia di Livorno e sarà denunciato dai carabinieri per uccisione di animali. Il giovane è stato poi accompagnato in caserma in attesa che venga chiarita la sua posizione sul territorio nazionale: al momento non risulterebbe regolare. I militari sono intervenuti stamattina poco prima delle 7 a seguito di numerose chiamate di cittadini. Dai controlli dei carabinieri di Piombino è anche emerso che il 21enne, originario della Costa d’Avorio, è in attesa dell’esito del ricorso che ha presentato al tribunale di Firenze dopo che gli era stato negato lo status di rifugiato.

Nel frattempo la carcassa abbrustolita dell’animale che l’uomo stava cucinando è stata rimossa dal marciapiede e l’area bonificata da una ditta specializzata. 

 “Questa non è integrazione. Questo è il risultato del sistema toscano dell’accoglienza con cui la sinistra ed il Pd hanno creato un vero e proprio business lasciando sbarcare nel nostro paese migliaia di immigrati che non hanno nessun interesse di integrarsi seguendo le nostre più basilari regole civili. Senza mostrare alcuna sensibilità nei confronti dell’animale, l’immigrato ha continuato senza vergogna a bruciare il povero gattino sul fuoco”. Così su Fb Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega e candidata per il cetrodestra alla presidenza della Toscana, in merito a quanto accaduto.

Ceccardi ha parlato di “episodio agghiacciante nella sua brutalità, ma purtroppo del tutto vero. A richiamare l’attenzione dei passanti è stato il grido disperato di una donna, che inerme, ha cercato di fermare l’immigrato mentre si consumava questa scena straziante”. “Alle persone che stamani hanno assistito a questa scena e che sono ancora scosse per l’accaduto voglio esprimere la mia solidarietà, per il coraggio che hanno avuto di intervenire e provare a mettere fine a questa brutalità anche se ormai per la bestiola innocente non c’era più nulla da fare. Mi complimento con i carabinieri”, che sono intervenuti: “Aadesso chiediamo una condanna esemplare perché nella nostra civiltà gli animali di affezione non si toccano e meritano la massima umanità ed il rispetto per tutto l’amore incondizionato che offrono senza chiedere niente in cambio”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano