21.1 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Olimpiadi 2026, Appendino ha inviato la lettera al Coni. Ma rischia di essere troppo tardi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Come aveva anticipato ieri sera durante la riunione di (rappacificazione) della maggioranza, oggi Chiara Appendino ha inviato al Coni la lettera di manifestazione d’interesse per le Olimpiadi e le Paralimpiadi invernali del 2026.
Superato l’impasse che si era creato tra sindaca e i cinque consiglieri “No Olympics” (Damiano Carretto, Daniela Albano, Marina Pollicino, Viviana Ferrero e Maura Paoli) ora si cerca di recuperare terreno e convincere il Coni che Torino è adatta ad ospitare i Giochi.
Si è perso molto tempo, nonostante esistesse un dossier Olimpiadi da mesi. Ma per accontentare i duri e puri del M5S si è negato, poi tentennato e infine aspettato la tregua.
Ma chi più, chi meno è stato convinto dai vertici del Movimento Cinque Stelle che i cinque cerchi non sono più da demonizzare, ma anzi possono diventare un’occasione per dimostrare di essere maturi.
Ora Appendino ha l’appoggio dei suoi consiglieri, come spiegano in una nota: «Nel rispetto delle valutazioni personali dei singoli consiglieri, il gruppo consiliare del M5S Torino appoggia la decisione della sindaca Appendino con l’obiettivo di procedere compatti sullo studio critico e condiviso di quanto avverrà già da domani».
«Il Movimento 5 stelle lavorerà con serietà nei prossimi mesi per capire se esistano i presupposti di sostenibilità economica, ambientale e sociale per procedere ad una eventuale candidatura», concludono i grillini. Quello che bisognerà ora capire è se effettivamente non sia troppo tardi e se tutta la baruffa abbia allontanato definitivamente la città dalla candidatura.
Intanto il capogruppo della Lega in Sala Rossa, Fabrizio Ricca, che ha presentato una mozione sulle Olimpiadi avverte la sindaca: «Non modifichi ora nessun documento per pagare marchette elettorali a frange antagoniste».
«Non può che far piacere che Appendino si sia finalmente decisa a inviare l’ormai famosa lettera al Coni – spiega Ricca – La situazione che si era creata nei giorni scorsi con un sindaco ostaggio dei capricci di cinque consiglieri ha rischiato di danneggiare Torino e i torinesi».
«Vedremo lunedì in aula se i ribelli metteranno dei paletti che depotenzieranno la candidatura solo per pagare marchette elettorali alle frange antagoniste che li hanno sempre sostenuti o se porteranno avanti la candidatura così come deciso già, anche da loro, nel Consiglio Metropolitano», aggiunge l’esponente della Lega.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano