20.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Olimpiadi 2026, Appendino ad un bivio: non sbagli strada

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Olimpiadi 2026: giornata decisiva. Ricordiamoci che “Mentre ‘l can as grata la levr a scapa” [Mentre il cane si gratta la lepre scappa] e che “Pitost che niente a l’è mej pitost” [Piuttosto che niente è meglio piuttosto].
Oggi 30 luglio a Roma i tre sindaci di Torino, Milano e Cortina e i tre Presidenti di Regione sono stati convocati al Coni per la dirimere la questione della sede italiana da candidare i Giochi Olimpici invernali del 2026.
Dopo mesi di tira e molla, di pianti, strepiti e psicodrammi, di “vorrei ma non vorrei” della sindaca Appendino e del M5S si è arrivati alla scelta.
Da cosa si apprende, il Coni sarebbe orientato a proporre ai tre sindaci di mettersi insieme e costruire un dossier unitario al fine di massimizzare le probabilità di successo dell’Italia in sede Cio.
Due su tre, Milano e Cortina, hanno già fatto sapere di essere disponibili. La nostra Appendino, dopo aver fatto votare in Consiglio Comunale una delibera che in maniera scellerata escludeva esplicitamente qualunque ipotesi di accordo, continua a lanciare segnali bellicosi, con un “neosovranismo in salsa sabauda” che più che segnare l’autorevolezza della nostra candidatura dimostra un certo isolamento e ci indebolisce.
Oggi saremo ad un bivio, ed è importante che la Appendino non sbagli la strada.
Riteniamo la candidatura di Torino e delle sue valli la migliore, quella certamente più completa e fattibile e in tutte le sedi l’abbiamo sostenuta e la sosterremo con convinzione e orgoglio anche se finora la gestione politica del dossier da parte della sindaca è stata carente e lacunosa. Ma se il Coni e il Governo dovessero insistere e chiedere di mettere insieme le tre Città non si commetta l’errore di tirarsi indietro e si dia la disponibilità a lavorarci.
Le questioni di principio e le bandierine localistiche vanno usate fino al punto da non far saltare il banco. Se la sindaca di Torino tenesse il punto del “o solo noi o niente” per non scontentare la sua maggioranza in Consiglio Comunale e non accettasse mediazioni sulle sinergie e per questa ragione Torino venisse esclusa, a quel punto in modo del tutto comprensibile e legittimo dal Coni, sarebbe un delitto.
Bene farebbero a quel punto le nostre valli olimpiche a sganciarsi da Torino e non essere trascinate a fondo da una politica scellerata della nostra sindaca.
Sarebbe stato meglio averle a Torino ma, per riprendere due vecchi proverbi piemontesi, “mentre ‘l can as grata la levr a scapa” e ricordiamoci che “pitost che niente a l’è mej pitost“. Mentre i grillini sono impegnati in mille elucubrazioni cerchino di non far scappare la lepre della candidatura olimpica di Torino e comunque tra “qualcosa” e “niente” è meglio “qualcosa”.
Lo tenga presente anche la sindaca Appendino.
Scritto da Stefano Lo Russo, capogruppo Pd in consiglio comunale a Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano