23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Olanda, i tifosi tornano allo stadio, ma non possono cantare

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’Olanda e’ stato il primo stato a stabilire la data di riapertura degli stadi ai tifosi in vista del nuovo campionato di calcio. Dal 12 settembre infatti si potranno vedere le partite dal vivo ma con una serie di divieti. In primis il distanziamento sociale, decretando così una capienza ridotta di almeno un terzo delle possibilità degli stadi. La regola più curiosa però è l’assoluto divieto di cantare i cori.

A spiegarlo è il premier, Mark Rutte, che nel corso di una conferenza stampa ha dichiarato: “Se negli stadi si canta, allora è semplice: poi si richiudo, se urli o canti rumorosamente, le possibilità di diffusione del virus sono molto alte – continua Rutte – diverso se si porta una cornetta per fare rumore. Sono cosciente che sembra terribile, ma tutte le ricerche dimostrano che in situazioni come questa il virus si trasmette rapidamente”.

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano