16.8 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Non sono stati loro: i due giovani del video non avrebbero causato il panico in Piazza San Carlo. In lieve miglioramento le condizioni del bambino di 7 anni.

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non sarebbero stati i due giovani interrogati in questura a Torino e ripresi nel video a causare quanto avvenuto in Piazza San Carlo. Non sono stati denunciati e avrebbero chiarito la loro posizione. Anzi. I loro atteggiamenti sospetti (le braccia allargate, ad esempio) non sono emulazione di un kamikaze, ma un gesto dove s’invitava le persone in fuga alla calma. I due giovani, di origini milanesi, quindi sono tornati a casa come detto senza accuse da parte degli inquirenti, che continuano a sentire testimoni. Per il momento gli investigatori non sono riusciti ad accertare se ci sia stato uno scoppio di petardo o l’urlo “bomba” a scattare quello che ha portato al ferimento di 1521 persone.

«Allo stato attuale non ci sono nè indagati nè ipotesi di reato», spiega il procuratore di Torino, Armando Spataro, in merito all’indagine e aggiunge: «Prima di tutto è necessario ricostruire la dinamica precisa dei fatti».

Intanto sono in “lieve miglioramento” le condizioni di Kelvin, il bambino di sette anni ricoverato all’ospedale Regina Margherita per le ferite riportate sabato sera. I medici del reparto di rianimazione proveranno in giornata a risvegliarlo.

Restano stabili e gravi le condizioni delle due donne ricoverate alle Molinette. Ancora ricoverata al Cto una ragazza con trauma toracico, una frattura del bacino, e due pazienti con lesioni alle mani che sono stati operati ieri. Tutti gli altri pazienti ricoverati al Cto sono stati invece dimessi. Resta in prognosi riservata il paziente ricoverato al Mauriziano. Le sue condizioni, riferiscono i sanitari, sono però in miglioramento.

Articolo precedente
Articolo successivo
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano