20.7 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

No Tav, sospeso l’ordine di carcerazione per Nicoletta Dosio

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

La procura generale del Piemonte ha sospeso l’ordine di carcerazione per Nicoletta Dosio, 73 anni, una dei leader dei No Tav che da decenni si oppongono alla linea realizzazione della Torino-Lione in della Valle di Susa.

Nicoletta Dosio, insegnante in pensione, era stata condannata in via definitiva a un anno di reclusione. La donna, nei giorni scorsi, aveva manifestato pubblicamente l’intenzione di non voler chiedere pene alternative e di essere pronta a scontare la pena in prigione. La condanna definitiva è arrivata per la partecipazione a una protesta del 2012, quando un gruppo di attivisti si radunò al casello di Avigliana dell’autostrada Torino-Bardonecchia e fece in modo che gli automobilisti passassero senza pagare il pedaggio.

- Advertisement -

La procura generale ha invece deciso di trasmettere gli atti al magistrato di sorveglianza perché disponga, come opzione, la detenzione domiciliare. Il provvedimento sarebbe motivato dal fatto che la condanna è inferiore a 18 mesi. In questo caso, in base a una legge promulgata nel 2010, la magistratura di sorveglianza può concedere la possibilità, a determinate condizioni, di scontare la pena presso la propria abitazione o un altro luogo, pubblico o privato.

- Advertisement -

E non è la prima volta e la procura generale sospende l’esecuzione della pena per Dosio.

Nicoletta Dosio  non aveva rispettato la misura degli arresti domiciliari, lasciando l’abitazione per prendere parte a iniziative pubbliche: gesti di “disobbedienza civile” vennero definiti dalla No Tav.

Lo scorso ottobre la procura torinese ha deciso di procedere nei suoi confronti per il reato di evasione contestandole circa 130 episodi avvenuti nel 2016.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...