16.9 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

No Tav: sentenza di appello rimette in libertà due giovani attivisti arrestati nell’agosto 2013

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Tornano in libertà Davide Forgione e Paolo Rossi, i due giovani attivisti No Tav arrestati il 30 agosto del 2013 perché fermati a bordo di un’auto contenente del materiale esplodente poco prima di un’iniziativa al cantiere di Chiomonte indetta dal movimento contro l’alta velocità.
Lo scorso marzo i due No Tav erano stati condannati in primo grado dal Tribunale di Torino a una pena di due anni e due mesi e al pagamento di 5000 euro di multa. Una sentenza che aveva ridimensionato le richieste dei pubblici ministeri Antonio Rinaudo e Andrea Padalino, che avevano chiesto per entrambi sei anni di reclusione. Il giudice aveva però disposto che entrambi rimanessero agli arresti domiciliari, dove fino a oggi hanno scontato 1 anno e 3 mesi.
Questa mattina Forgione e Rossi sono tornati in aula per l’udienza di appello, difesi dall’avvocato Claudio Novaro. Il giudice, pur confermando sostanzialmente l’impianto accusatorio formulato in primo grado, ha ridotto la pena per i due No Tav a 1 anno e 7 mesi e al pagamento di 3000 euro di multa, disponendo la loro immediata rimessa in libertà grazie al beneficio di sospensione condizionale della pena.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano