16.7 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

No Tav, 50 mila in piazza contro la Torino-Lione

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“C’eravamo, ci siamo, ci saremo! Ora e sempre No Tav”. Lo slogan di questa giornata campeggia su lo striscione che apre il corteo contro la Torino-Lione, sorretto dai sindaci della Val di Susa contrari all’opera e dal vicesindaco di Torino Guido Montanari.
Cinquanta mila manifestanti (ventimila per la Questura di Torino) anche se Alberto Perino, storico leader dei No Tav, dal palco di piazza Castello parla di cento mila. Al di là dei numeri sono tanti, molti giunti da fuori Torino.
«La manifestazione è andata oltre le aspettative. Siamo in centomila, allegri, colorati e convinti. Chiediamo che tutto questo abbia fine, lo chiediamo con forza al M5S perché l’avevano scritto nel loro programma», dice Perino, che usando toni coloriti invita i Cinque Stelle a tirare fuori le cosiddette perché nessuno tunnel verrà accettato. «Sappiamo che non sono soli al governo, ma gli chiediamo di resistere e portare a casa quello che hanno promesso», sostiene il leader, che aggiunge: «A noi interessa fermare questo spreco assurdo del Tav, questo doppione che non possiamo permetterci. Se l’analisi costi e benefici è fatta in modo serio non potrà che dare un risultato: l’opera economicamente e insostenibile, è ambientalmente devastante».
«Chiediamo che tutto questo abbia fine lo chiediamo con forza al M5s perché lo avevano scritto nel loro programma. Sappiamo che non sono soli al governo ma gli chiediamo di resistere».
«La Tav Torino-Lione non è mediabile, si può solo non fare o ci troverete tutti davanti alle vostre ruspe, basta voler far circolare le merci e far crepare i migranti in montagna e in mare, aggiunge Perino. “Non accettiamo più di essere considerati dei sudditi, siamo dei cittadini pensanti che hanno delle pretese e pretendono di essere ascoltati».
Dal palco anche il sindaco di Susa, Sandro Plano, si rivolge a Conte: «Al primo ministro chiediamo di ascoltare le nostre ragioni. Anche noi vogliamo più investimenti, e vogliamo riempire i nostri capannoni di lavoro vero per questo chiediamo al premier di ascoltarci». Una frecciatina alle madamine e alla manifestazione dei 30 mila il 10 novembre, quando salgono le donne No Tav con in testa un cappellino di colore azzurro, con la scritta “meglio montagnina che madamin”.
Durante il corteo il vicesindaco di Torino è stato contestato da un gruppo di anarchici, gli unici a ricordare come i Cinque Stelle siano alleati di governo della Lega e di Matteo Salvini che ha voluto il tanto discusso decreto sicurezza.
Ma Montanari non se ne preoccupa: «Essere qui significa rappresentare una città e una maggioranza che ha votato un programma. La sindaca Appendino la pensa come me e io qui la rappresento».
«Ci mettiamo faccia e corpo – continua – siamo un governo locale e siamo con i cittadini, rappresentiamo i territori e una maggioranza democraticamente eletta, per questo siamo qui con la fascia».








 
foto di Rawsht Twana© per Nuova Società 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...