14.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Nichelino, ritirati i buoni spesa cartacei

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A Nichelino, in provincia di Torino, i buoni spesa cartacei, distribuiti per l’emergenza Coronavirus, sono stati ritirati.
Il Movimento Cinque Stelle accusa l’amministrazione comunale di essere stata “frettolosa e con un atteggiamento poco costruttivo con le forze politiche di opposizione” e di aver adottato “una serie di provvedimenti approssimativi” è il Movimento 5 Stelle.

“Apprendiamo – dicono i pentastellati – che, solo adesso, dopo avere iniziato la distribuzione, si siano resi conto dei grossolani errori commessi e ne abbiamo disposto il ritiro. Nel contempo alle persone contattate è stato detto che i buoni spesa sarebbero stati ridistribuiti, in formato elettronico, dopo Pasqua, tempo utile, a loro dire, per risolvere il problema da loro stessi creato”.

Si tratta, secondo i Cinque Stelle, di “disservizi inaccettabili in un momento di emergenza come questo. Riteniamo, inoltre – aggiungono -, che il Comune debba provvedere nel minor tempo possibile alla riconsegna dei buoni spesa, perché lasciare tutta quella parte di cittadinanza più debole senza un sostegno economico, fino a oltre Pasqua, è intollerabile”.

“In seguito alle numerose domande di assegnazione dei buoni spesa ricevute dagli uffici comunali di Nichelino e visto l’importo non da poco che verrà erogato, oltre 288 mila euro, è stato deciso di consegnare solamente buoni spesa elettronici – spiega il sindaco Giampiero Tolardo – verrà garantita la sicurezza rispetto alla contraffazione dei buoni – dice – e verrà garantito l’immediato realizzo della somma da parte degli esercenti che potrebbero invece aver problemi con la liquidità se dovessero incassare i buoni solo successivamente con tempi più lunghi”.

“Verranno assegnate carte prepagate precaricate dell’importo del buono spesa spettante, la distribuzione avverrà agli aventi diritto a partire dal 15 aprile e gli assegnatari verranno direttamente contattati dagli uffici comunali per la consegna”.

“È ancora possibile fare richiesta di assegnazione del buono spesa e continua nel frattempo la raccolta alimentare a carico di Protezione Civile Nichelino, Caritas, San Vincenzo e Proloco, grazie anche ai volontari dell’Auser”, conclude Tolardo.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano