26.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Cuneo dice (per ora) no al 5G. Passa la proposta Lauria

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’intero consiglio comunale di Cuneo, ha approvato la proposta del consigliere Beppe Lauria, che prevede nel dare “parere negativo riguardo l’estensione a Cuneo della nuova tecnologia 5G”.
Questa proposta non è un no al 5G, bensì una precauzione da prendere finché gli esperti non rassicurino i cittadini sui rischi sanitari portati dall’uso del glisofato.
Si fa dunque sentire l’opposizione di destra che, appoggiata anche dal consigliere Ugo Sturlese, riceve il sì all’unanimità. Inoltre nel testo approvato si chiede anche al sindaco di attivarsi per la sostituzione della tecnologia wireless, assai dannosa per la salute, in favore del classico cablaggio, e di monitorare i possibili effetti nocivi del 5G sulla cittadinanza coinvolgendo Arpa e ASL.
Lauria chiede quindi di aspettare per capire se i rischi siano effettivi oppure no.
Alcuni studi hanno infatti accostato la nuova tecnologia a probabili nuovi casi di cancro nella popolazione.
Il consigliere, delegato alle infrastrutture tecnologiche, Silvano Enrici ha invitato i propri colleghi a non demonizzare le nuove tecnologie affermando:”siamo tutti preoccupati per la salute, ma annullando i campi magnetici dovremmo spegnere tutti gli elettrodomestici”.
Per ora dunque, a Cuneo è stato deciso di sospendere l’inserimento del 5g e temporeggiare su eventuali dubbi dal punto di vista sia ambientale e sanitario, che politico.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano