21.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Nesta saluta il calcio giocato: “A 37 anni è giusto fermarsi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una carriera lunga vent’anni, tante soddisfazioni e calcio giocato ad alti livelli. Alessandro Nesta non può davvero rimpiangere nulla della sua carriera: uno scudetto, due Coppe Italia, due Supercoppe italiane, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Europea, un Europeo U21 e soprattutto i Mondiali 2006 diviso tra Lazio (1994-2002) e Milan (2002-2012). Ora, a 37 anni, ha deciso che è arrivato il momento di dire basta al calcio giocato e appendere gli scarpini al chiodo: «Il mio fisico è stanco e so che è arrivato il momento di smettere. Sono stato fortunato, ho vinto tantissimi trofei, ma adesso è giusto fermarsi e iniziare una nuova vita con la mia famiglia».
Ma questo non è un addio al calcio. L’idea di Nesta, al momento in forza al Montreal Impact, squadra che milita nella North American Major League Soccer, è di riposarsi un anno, e poi iniziare una carriera da allenatore. Ma non al Montreal, al posto dello svizzero Marco Schallibaum: «Sono voci infondate, che non hanno alcun valore – ha spiegato il calciatore in una conferenza stampa – La squadra un tecnico ce l’ha già, io non ho parlato con il club e non ho chiesto nulla».
«Andrò a vivere per un anno a Miami – dice – imparerò nuove cose e poi cercherò di diventare allenatore, non so ancora dove, ma di sicuro ci proverò».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano