7.4 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

‘Ndrangheta, a Cuorgnè confiscati beni da un milione di euro

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di A.D.

La Direzione Investigativa Antimafia di Torino ha sequestrato beni per un valore di un milione di euro di proprietà di Giuseppe Racco. Il 41enne è ritenuto il responsabile della locale della ‘Ndrangheta di Cuorgnè, in provincia di Torino.

Racco, che dopo una latitanza a Santo Domingo si è costituito in Italia nel novembre scorso, è stato condannato in via definitiva a cinque anni e cinque mesi di reclusione per associazione mafiosa, sequestro di persona e detenzione di armi.

Tra i beni confiscati anche due ville, a Prascorsano, sempre in provincia di Torino.

Il provvedimento del Tribunale accoglie la proposta avanzata dal direttore della Dia, Nunzio Antonio Ferla, in seguito ad una indagine patrimoniale che ha portato alla luce il reinvestimento di denaro di provenienza illecita in ambito immobiliare.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano