23.9 C
Torino
venerdì, 12 Agosto 2022

È morto Maurizio Braccialarghe. Fassino: "Un uomo per bene e generoso"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è spento dopo lunga malattia Maurizio Braccialarghe, ex assessore alla Cultura della giunta Fassino. Classe 1957, originario di Genova si era trasferito a Torino sulla fine degli anni Ottanta per lavorare per la concessionaria pubblicitaria della Rai di cui diventerà anche amministratore delegato.
A ricordarlo alla notizia della scomparsa l’ex sindaco Piero Fassino con un messaggio su Facebook: «Ci ha lasciato Maurizio Braccialarghe, uomo per bene e generoso, con un senso alto delle istituzioni, ha dedicato energie, intelligenza e passione a fare di Torino una capitale di cultura. Chi come me ha avuto la fortuna di averlo al fianco, oggi lo piange con profondo dolore».
Anche Gianguido Passoni, già assessore, ha voluto dedicare al Braccialarghe un ricordo: «Maurizio era un gentiluomo di altri tempi: lo annunciava il suo cappello a falda larga e lo confermava il suo modo di parlare con i fatti. Ha guidato l’assessorato alla cultura con professionalità e visione, riempiendo le piazze di Torino con le note della classica e del jazz. E ha capito prima e meglio di altri quanto fosse necessario sostenere la cultura con risorse non soltanto pubbliche. Mi mancherà, ci mancherà».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano