16.1 C
Torino
venerdì, 29 Maggio 2020

Montalbano non si dimette, ma lascia M5S e lancia un nuovo progetto politico

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

Come era prevedibile Deborah Montalbano ha lasciato il Movimento Cinque Stelle e il gruppo consiliare di maggioranza per passare al misto. Ma Montalbano non si fermerà a questo. Infatti ha intenzione di presentare a breve una sua lista e un progetto politico.
Dice Montalbano: «Come preannunciato, subito dopo il 4 marzo avrei deciso, come proseguire il mio impegno politico all’interno del Gruppo di maggioranza M5S presso il Comune di Torino. Annuncio, quindi, il mio passaggio al Gruppo Consiliare misto a partire da oggi».
«Le motivazioni che mi hanno portato a questa decisione – continua l’ex consigliera pentastellata – sono del tutto politiche, rispetto alla direzione contraddittoria intrapresa dall’azione politica di governo della Città, e soprattutto rispetto al programma elettorale e gli impegni presi con i cittadini torinesi».
«Il mio lavoro quindi proseguirà, portando avanti le battaglie che hanno sempre caratterizzato il mio impegno civile con particolare attenzione alle periferie. Sarà tra le mie intenzioni rappresentare il più possibile una coscienza critica in Consiglio comunale, rispetto al programma e ai valori originari del Movimento».
«Le motivazioni nel merito di questa mia decisione saranno oggetto di discussione in occasione di una prossima Conferenza stampa, dove si presenterà il mio nuovo progetto politico e i miei collaboratori», conclude.
Montalbano era finita nell’occhio del ciclone per la vicenda dei rimborsi dei taxi e sull’uso privato di un auto blu. Tra lei e il Movimento piano piano si è creata una frattura insanabile: infatti negli ultimi mesi ha accusato M5S di non essere più quello delle origini e all’amministrazione Appendino di non aver dato seguito alle promesse, soprattutto per quanto riguarda l’emergenza abitativa. Negli ultimi giorni aveva annunciato attraverso i social che alle politiche non avrebbe votato per il movimento.
Immediata la nota del gruppo consiliare M5S: «Apprendiamo e informiamo i sostenitori del Movimento 5 Stelle che, da questo momento, la consigliera Montalbano ha deciso di non fare più parte del Movimento 5 Stelle essendo ufficialmente passata al Gruppo Misto anche se, nel rispetto dell’impegno etico firmato prima del voto da tutti i candidati M5S, sarebbero state più opportune e coerenti le dimissioni».

Già, dimissioni dall’incarico, come in fondo aveva chiesto anche lei anni fa, nei confronti di alcuni espulsi dai grillini: “Nel Movimento 5 stelle per assicurare la difesa di un cammino pulito ed onesto, vige la regola del controllarci a vicenda […] Gli espulsi sono rimasti a Roma, non si sono dimessi come da regolamento sottofirmato prima delle elezioni, sono passati al gruppo misto all’interno del Parlamento, non si sono dimezzati lo stipendio, non hanno rinunciato alla diaria….ecc… […] Ma hanno un regolamento comportamentale alla quale nessuno si può sottrarre da loro liberamente sottofirmato…”.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Inchiesta Teatro Regio, Foglietta (PD): “Appendino riferisca in aula”. Carretta: “Restiamo garantisti”

Il Partito Democratico in consiglio comunale a Torino ha fatto richiesta di comunicazioni in Sala Rossa su quanto sta emergendo sull'inchiesta "Spartito"...

Inchiesta Teatro Regio, Schwarz: “Chiarezza al più presto”. Leon: “Non ne sapevo nulla”

Sebastian Schwarz, attuale Sovrintendente e Direttore artistico del Teatro Regio Torino commenta la notizia dell'inchiesta giudiziaria che ha travolto la Fondazione: "Do...

L’ultimatum di Gl Events per non lasciare Torino: “Comune e Regione acquistino il Lingotto”

Il futuro torinese di Gl Events dipenderà della istituzioni. Lo dice senza mezzi termini il gruppo francese che da 12 anni si...

Alloggi sfitti dagli studenti: crisi anche a settembre

In commissione consiliare emergenza abitativa a Torino si parla della situazione degli alloggi lasciati sfitti dagli studenti universitari fuorisede, visto l'emergenza Coronavirus...

Teatro Regio: corruzione e turbativa d’asta. Indagato Graziosi

Da questa mattina 28 maggio sono in corso le perquisizioni della Guardia di Finanza in relazione ad un'inchiesta sulla gestione del Teatro...