21.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Migranti in Piemonte, Cirio: “Gravità assoluta che Governo non ci abbia avvisato”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, con gli Assessori alla Sicurezza Fabrizio Ricca e alla Protezione civile Marco Gabusi, ha effettuato un sopralluogo questa mattina al Centro di Accoglienza Profughi di Castello di Annone, in provincia di Asti, dove in serata è previsto l’arrivo di un gruppo di 76 migranti sbarcati a Lampedusa e destinati dal Governo al Piemonte. 

Cirio ha sottolineato che si tratta di un fatto di una gravità assoluta, perché la Regione ha appreso del nuovo arrivo di migranti da una agenzia stampa, quando l’impegno del Viminale era stato di sospendere gli invii.

Al sopralluogo per verificare la situazione complessiva e le condizioni di sicurezza e sorveglianza della struttura hanno preso parte anche il Prefetto e il Questore di Asti e i rappresentanti delle Forze dell’ordine, che hanno predisposto un controllo accurato per la possibilità concreta che si verifichino tentativi di fuga da parte dei 76 migranti in arrivo, tutti di nazionalità tunisina.

I migranti arriveranno con tampone già eseguito, ma la Regione Piemonte lo ripeterà una volta giunti sul territorio per una maggiore verifica delle condizioni di sicurezza sanitaria.

Cirio ha sottolineato con forza che questa situazione non è più accettabile e sarebbe meglio predisporre un sistema efficace di chiusura dei porti, piuttosto che scaricare sulle Regioni le conseguenze di questi arrivi ormai incontrollati. Il Presidente ha aggiunto anche che la Regione ha la responsabilità del sistema sanitario piemontese che sta già gestendo migliaia di rientri dalle ferie e deve affrontare l’inizio della scuola. Il Piemonte non può farsi carico di problemi in più e chiederà alla Conferenza delle Regioni di affrontare il tema con urgenza a livello nazionale.

L’Assessore regionale alla Sicurezza e all’Immigrazione Ricca sottolinea che il Governo, che aveva dato la sua parola sul fermare gli arrivi di immigrati sbarcati in Sicilia, ha tradito quanto promesso. La Regione, però, non può rimanere in silenzio e accettare supinamente questa mancanza di rispetto. L’Assessore aggiunge che se il ministro Lamorgese è veramente una donna dello Stato, così come l’abbiamo conosciuta alla guida della prefettura di Milano, mantenga la parola data e si riprenda gli immigrati, destinandoli ad altre regioni che si sono dimostrate politicamente desiderose di accogliere. Il Piemonte ha già pagato duramente l’emergenza sanitaria di questo inverno e non vuole pagare sulla sua pelle la politica scellerata dei “porti aperti” voluta dal Governo Conte. Nel pomeriggio l’Assessore alla Sicurezza e all’Immigrazione parteciperà al Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.

L’Assessore alla Protezione Civile aggiunge che è impensabile che siano solo il Piemonte, la Provincia di Asti e la piccola comunità di Castello d’Annone, che ha meno di 2000 abitanti, a farsi carico di tutta l’accoglienza migranti del Nord ovest di Italia.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano