13.2 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Mascherine piemontesi “made in Napoli”. Grimaldi: “Nulla di male, ma la ditta di Ottaviano è tra i fornitori della Regione?”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Lo scorso 9 aprile la Regione Piemonte ha indetto la gara d’appalto per la fornitura di mascherine facciali a uso sociale, per una spesa pari a 6 milioni di euro, per 5 milioni di mascherine.

L’11 aprile la gara è stata aggiudicata a tre aziende piemontesi: la Casalinda srl di Tarantasca in provincia di Cuneo, la Miroglio Textile srl di Alba, sempre in provincia di Cuneo, e Prativero spa di Valdilana in provincia di Biella. Con la soddisfazione dell’amministrazione leghista.

Nella confezione c’è scritto: “Prodotte e confezionate in Piemonte”. Ma come dimostrano le immagini di ‘Fanpage’ a produrle, tra gli altri, un’azienda di Ottaviano in provincia di Napoli. L’amministrazione guidata dal leghista Cirio aveva varato il pacchetto di misure “Il Piemonte fa da se”.

Le mascherine sono“Made in Campania? – commenta il consigliere regionale LUV, Marco Grimaldi: “Nulla di male, anzi, se è tutto in regola mi sembra un passo avanti per chi fino a qualche anno fa cantava beceri cori contro i napoletani; però rimane da capire se la Hismos srl di Ottaviano sia tra i fornitori della Regione o una delle tre aziende piemontesi in realtà abbiano comprato da altri le mascherine”.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano