21.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Manifesti a Torino di CasaPound: “Basta feccia”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono apparsi a Torino, ma anche a Venaria, Ivrea e nel Canavese i manifesti di CasaPound con la scritta: “Basta feccia”. La frase riportata in centinaia di volantini affissi nel torinese è quella pronunciata dal consigliere comunale di CasaPound Italia a Bolzano Andrea Bonazza, in riferimento alla situazione di degrado nella città trentina per l’aumento di clandestini.
«Abbiamo deciso di affiggere questi manifesti proprio perché abbiamo il coraggio delle nostre idee e crediamo che anche nel torinese sia necessario fermare l’afflusso di clandestini che non hanno nessun diritto di stare sul suolo italiano – spiega Matteo Rossino, responsabile provinciale di CasaPound Torino – Siamo testimoni tutti i giorni di immigrati dediti allo spaccio, che acuiscono ulteriormente i problemi delle periferie».
Marco Racca, coordinatore regionale del movimento della tartaruga frecciata, aggiunge che «ogni giorno mi ritrovo a rispondere a italiani esasperati, che mi chiedono perché i clandestini vengono coccolati e loro abbandonati. Per questo noi chiediamo di interrompere questa farsa immigrazionista e buonista».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano