20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

"Mai con Salvini": corteo contro la marcia su Roma della Lega

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sabato 28 febbraio sarà una giornata importante per Roma. Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, scenderà nella Capitale per la sua “manifestazione italianista”, alla quale parteciperanno le sigle della destra nostrana, dai Fratelli d’Italia a CasaPound, insieme a qualche cugino d’Oltralpe. I movimenti per la casa, i migranti e gli studenti, gli antifascisti, risponderanno con un corteo di contestazione della Lega Nord e di CasaPound, attorno allo slogan “Mai con Salvini”. C’è aria di tensione a Roma, la Questura ha previsto un corposo ed ingente schieramento di forze dell’ordine lungo i percorsi che seguiranno i due ed opposti cortei.
Stamattina i collettivi contro Salvini hanno occupato la Basilica di piazza del Popolo. Sono stati fatti sgomberare dalle forze dell’ordine con un certa veemenza. Una donna è stata trasportata in Ospedale con un’ambulanza. Oggi pomeriggio, alle 17, i manifestanti si sono dati un altro appuntamento in piazzale Flaminio, per un sit-in, dicono i manifestanti, «per impedire materialmente il comizio della Lega Nord e di CasaPound previsto per domani a piazza del Popolo». Si sono verificati scontri con la polizia in assetto anti-sommossa. I movimenti «quotidianamente protagonisti nelle lotte di questa città, stanno dando un segnale di “respingimento” forte e chiaro nei confronti del Matteo padano e dei suoi alleati fascisti di Casapound», si legge in un comunicato della coalizione sociale avversa a Salvini.
Nella “marcia su Roma” di Salvini i manifestanti indosseranno la maglietta “Renzi a casa”, diventato oramai celebre con le frequenti comparsate televisive del leader del Carroccio. Domattina Lega Nord, Fratelli d’Italia e CasaPound, prima della manifestazione, si sono dati appuntamento all’Esquilino, per un presidio convocato con lo slogan “Prima gli italiani”. Quel che domani a Roma sicuramente non mancherà sarà la contestazione.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano