14.2 C
Torino
sabato, 18 Maggio 2024

L’ultimo saluto a Gipo Farassino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Due sue grandi passioni erano il Piemonte e la Juventus. E così oggi, nel giorno dell’ultimo saluto, sul feretro di Gipo Farassino, oltre alle rose rosse, sono state deposte anche la bandiera bianconera e una della regione. Un modo semplice ma efficace per ricordare, al Teatro Carignano dove è stata allestita la camera ardente, il cantore per eccellenza della piemontesità, mancato mercoledì all’età di 79 anni.
A rendergli omaggio e a dare forza alla figlia Valentina c’erano centinaia di persone, tra cui il sindaco di Torino Piero Fassino, l’assessore regionale alla Cultura Michele Coppola, Evelina Christillin e l’ex presidente della Regione Enzo Ghigo. Anche l’attuale presidente del Piemonte Roberto Cota ha voluto salutare per l’ultima volta l’amico e compagno di partito al cimitero monumentale, dove si è svolta la cerimonia di cremazione: «Gipo – ha commentato Cota – era un amico, un grande maestro, un simbolo e un punto di riferimento del Piemonte».
Anche l’ex sindaco e attuale presidente della Compagnia di San Paolo, Sergio Chiamparino, non ha voluto mancare: e così ha lasciato il centro congressi di Intesa Sanpaolo, dove è intervenuto ad un appuntamento dell’Ufficio Pio della Compagnia, per «andare a fare un saluto a Farassino al Carignano». «Con Gipo Farassino nelle differenze politiche ho scoperto un rapporto di amicizia» ha commentato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano