3.9 C
Torino
mercoledì, 2 Dicembre 2020

LGBT, al Parlamento europeo due voti importanti sui diritti

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Con i risultati di oggi – i voti su una risoluzione sui diritti delle persone intersessuali e sulla lista d’azioni per i prossimi 5 anni sui diritti lgbt – porto a compimento con soddisfazione cinque anni di intenso lavoro come co presidente dell’Integruppo per i diritti LGBTI al Parlamento europeo.

Con grande orgoglio ho guidato, prima con Ulrike Lunacek e poi con Terry Reintke, il più grande intergruppo presente al Parlamento europeo, portando all’attenzione di questa Istituzione situazioni di grave pericolo per le persone omosessuali, come quella in Cecenia, partecipando ad iniziative in giro per il Mondo, come al Pride di Instanbul e alla prima conferenza sui diritti gay in Tunisia.

Oggi è stata approvata una risoluzione sui diritti delle persone intersessuali, un grandissimo traguardo voluto fortemente. La risoluzione denuncia le violazioni dei diritti umani delle persone intersessuali e chiede alla Commissione e agli Stati membri di intervenire per garantire l’integrità fisica, l’autodeterminazione e l’autonomia dei bambini intersessuali.

In 21 Stati membri i bambini intersessuali vengono sottoposti a interventi chirurgici di “normalizzazione” sessuale, senza il consenso della persona interessata. L’Europa necessita di un’armonizzazione della legislazione in materia sull’esempio di leggi come quella portoghese e maltese che proibiscono gli interventi chirurgici. Le identità intersessuali devono essere depatologizzate e le persone intersessuali devono beneficiare dei più alti standard di salute previsti nella Carta delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo.

Sempre questa mattina l’aula di Strasburgo ha approvato la risoluzione sull’elenco di azioni LGBTI per il quinquennio 2019-2024. Con questa risoluzione si invita la Commissione europea  a garantire che i diritti delle persone LGBTI rappresentino un’assoluta priorità nel suo programma di lavoro dal 2019 al 2024. E’ cruciale assicurare una strategia di follow-up comprensiva e forte dell’elenco di azioni per migliorare ulteriormente la protezione dei diritti delle persone LGBTI e promuovere l’uguaglianza.

Tanto è il lavoro ancora da fare. Come ricordo sempre, i diritti delle persone LGBTI non sono tutelati in modo uniforme in tutta Europa. L’UE non dispone ancora di una protezione globale contro la discriminazione basata sull’identità di genere, sull’orientamento sessuale o sulle caratteristiche sessuali. Le unioni omosessuali non sono riconosciute o tutelate in tutti gli Stati membri. La sterilizzazione è un requisito per il riconoscimento giuridico del genere in 8 Stati membri e 18 Stati membri richiedono una diagnosi di salute mentale. Nel frattempo, l’elenco delle azioni rimane limitato in termini di priorità e di impegno e le risposte innovative dell’UE, come il pilastro dei diritti sociali, non vengono integrate. Per questo è importante aver votato questi due documenti perché l’Europa deve affermarsi come esempio nel Mondo per la tutela dei diritti umani e dei diritti LGBTI. Continueremo a vigilare e a tenere alta l’attenzione affinché questo avvenga.

 

Scritto da Daniele Viotti, europarlamentare

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, 64 decessi in Piemonte. Calano i ricoveri

Sono 64 i decessi di persone positive al test del Covid-19 registrati oggi in Piemonte. Questo il dato comunicato nel pomeriggio dall'Unita'...

‘Gli sguardi sul MOI’: noir e foto giornalismo raccontano la più grande occupazione d’Europa

Il 30 luglio del 2019 con lo sgombero dell'ultima palazzina terminava l'occupazione dell'ex MOI a Torino, quella che è stata definita la...

Federica Scanderebech passa a Forza Italia: “Torno a casa”

Una foto di lei bambina mentre partecipava ad un evento vicino a Silvio Berlusconi. Con questa voto che mostra sui social e...

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...