19 C
Torino
domenica, 20 Settembre 2020

Lega verso le Regionali. “Con Ricca il Piemonte rialza la testa”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Fabrizio Ricca nato 33 anni fa a Torino e cresciuto in Barriera di Milano. Laureato in scienze politiche, imprenditore, ha iniziato la carriera politica all’età di 17 anni nei Giovani della Lega. Nel 2011 è stato eletto consigliere comunale nella Città di Torino. Riconfermato nel 2016 come capogruppo in Comune e designato dagli iscritti al partito, quale segretario cittadino della Lega.

Pragmatico, combattivo e con lo spirito di servire tramite la politica alle persone nel 2019 è candidato come consigliere alle elezioni regionali del Piemonte del prossimo 26 maggio. I punti di forza sono sicurezza e lavoro per rilanciare una regione ormai dormiente senza tralasciare la sanità, i giovani ed il turismo con il suo indotto e le infrastrutture per poterlo supportare.

- Advertisement -

Dopo otto anni di Consiglio Comunale è al suo secondo mandato di segretario della Lega di Torino perché si candida alle elezioni regionali del Piemonte?

- Advertisement -

In questi otto anni sono convinto di aver acquisito una esperienza amministrativa molto importante che voglio mettere al servizio dei piemontesi e dei torinesi per rialzare il livello della politica della nostra regione. Essendo anche segretario della Lega di Torino ci tengo che tutti i territori del nostro Piemonte siano tutelati chiaramente con un occhio di riguardo per la nostra provincia che è quella che sta soffrendo maggiormente l’incapacità del governo Chiamparino.

In cosa ha fallito Chiamparino in questi cinque anni?

Il governo Chiamparino ha fallito praticamente in tutto, non è stato capace di dare una prospettiva alla Regione in termini di lavoro, in termini di futuro, in termini di efficienza. Il Piemonte è l’ultima regione del nord a livello produttivo, Torino è una delle città con il più alto tasso di disoccupazione giovanile. Non sono stati in grado di fare come Lombardia e Veneto dove Fontana e Zaia si sono attivati per fare in modo che le Olimpiadi 2026 potessero ricadere sul loro territorio, non hanno dato nessuna prospettiva per il futuro e hanno messo i piemontesi nelle condizioni di dover iniziare a emigrare verso Milano: questo chiaramente è il più grande fallimento. Il nostro obiettivo è rilanciare il lavoro e l’occupazione nel nostro Piemonte.

Cosa crede che serva al Piemonte per tornare a essere una regione competitiva al pari delle altre regioni del nord?

Iniziare a dialogare maggiormente con Liguria e Lombardia che sono due player fondamentali. La Liguria con il porto di Genova per il passaggio delle merci diventa strategico e chiaramente la Lombardia che ha un PIL nettamente superiore a quello del Piemonte. Bisogna rimettere in moto il lavoro, bisogna rimettere in moto le attività produttive, bisogna creare delle zone di defiscalizzazione per poter dare l’opportunità a tutti quelli che vogliono fare impresa di poter fare impresa. L’impresa comporta occupazione e l’occupazione porta poi allo sviluppo del territorio. Questo credo che sia uno dei passaggi principali e serve anche una promozione del nostro territorio tra le montagne della Val Susa, le Langhe, il Roero e tutte le zone importanti sotto l’aspetto turistico, il turismo è un volano importante per la ripartenza del nostro territorio.

Il suo slogan è “rialziamo la testa!”. Cosa vuole comunicare?

Chiamparino ha trasformato il Piemonte nella periferia d’Italia. Nessun investimento, nessun investitore, nessuna possibilità di futuro per i nostri giovani e per i disoccupati. Il Governo con Matteo Salvini sta facendo molto per il nostro territorio ma non basta, serve una giunta regionale forte che possa dare una prospettiva di rinnovamento e di crescita del nostro territorio.

“Rialziamo la testa!” perché dopo cinque anni di assoluto nulla in Regione Piemonte è arrivata l’ora del riscatto per i piemontesi per poter sognare un futuro diverso e migliore per loro.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...