16.3 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

L'avvocato di Maurizio Allione: "Lui è la vittima, non il colpevole"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un altro interrogatorio per Maurizio Allione, il figlio della coppia trovata morta domenica scorsa nella loro abitazione in via Ferrari 13 a Caselle Torinese insieme alla madre di lei.
Il giallo sta sconvolgendo il paese famoso per l’aeroporto di Torino, un mistero a cui gli investigatori stanno cercando di dare un nome, un volto. Chi ha ucciso Claudio Allione, Maria Angela Greggio ed Emilia Campo Dall’Orto.
Dopo diverse ore a uscire dalla caserma dei carabinieri, in cui Maurizio è giunto con la fidanzata Milena, è l’avvocato del 29enne, Stefano Castrale. Che vuole rimarcare che il giovane è ascoltato dagli inquirenti solo «come persona informata sui fatti» e infatti i suoi «colloqui avvengono senza la presenza dell’avvocato».
Maurizio è l’unico in grado di «ricostruire le vicende famigliari, i rapporti e tutta la situazione».
Ed è lo stesso giovane ad aver avvertito i carabinieri del ritrovamento di alcuni oggetti provenienti dalla casa: due tazzine da caffè e un guanto di lattice. Ma l’avvocato si limita solo a dire che si tratta di «oggetti di arredo della casa».
La presenza di Castrale nella caserma durante l’interrogatorio è spiegata dallo stesso avvocato come «un aiuto almeno morale a questo povero ragazzo che l’altro giorno è stato ascoltato per dieci ore e che ha perso papà, mamma e nonna, e quindi era per dargli un supporto».
«Maurizio l’ho visto ieri – dice – dovevo vederlo anche oggi. È provato e scosso dalla pressione di questa indagine».
In merito alla durata del l’interrogatorio lo giustifica così: «Non è un interrogatorio, sono sommarie informazioni rese da persona libera, attualmente persona offesa, l’unica che può ricostruire la vita della famiglia. È l’unico che può fornire degli elementi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano