13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

L’aula sorda e grigia che piace a Beppe Grillo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non è facile capire cosa vuole fare Beppe Grillo, soprattutto dove vuol arrivare. Per strambo che sia lo ritengo ancora in grado di “fare di conto”: il numero dei consensi che ha raccolto nelle ultime elezioni politiche – ammesso che nel caso di una consultazione anticipata pensi di riconfermare quel successo – comunque sarà decisamente inferiore di tutti gli altri schieramenti.
Al fine di un paradossale ragionamento, che intendo fare, faccio l’ipotesi di un altro passo in avanti dei Cinque Stelle: 30%, 40% può bastare, e poi cosa ne farebbe di questa massa enorme di voti visto che Grillo continua a sostenere che intende non accordarsi con nessuno. Le forze politiche presenti oggi in Parlamento secondo lui devono essere mandate a casa, cioè fare piazza pulita di tutti e di tutto l’esistente per consentire al suo movimento di guidare il Paese, dopo aver «bombardato» Montecitorio e Palazzo Madama.
I deputati grillini che hanno inscenato alla Camera ciò che tutti hanno visto in televisione, Grillo il giorno stesso dell’incredibile gazzarra li ha definiti «i miei guerrieri».
Il giorno dopo è corso a Roma, si dice che nel chiuso di un hotel abbia cercato di calmare le acque.
Non c’è stato però nessun ripensamento critico pubblico su ciò che è accaduto da parte dei Cinque Stelle ispirati dai due noti guru.
Come bene ha detto Corrado Augias rispondendo a una domanda di Daria Bignardi, nella trasmissione “Invasioni Barbariche” su La7, «i deputati grillini si sono comportati come degli squadristi fascisti».
Non a caso le idee di Grillo sul Parlamento collimano con quelle di Benito Mussolini il quale il 16 novembre del 1922 (pochi giorni dopo la Marcia su Roma) a Montecitorio dichiarò autoritariamente: «Potevo fare di questa aula sorda e grigia un bivacco di manipoli, potevo sprangare il Parlamento e costituire un governo esclusivamente di fascisti. Potevo ma non ho, almeno in questo primo tempo, voluto».
Domanda: si ripeterà la violenza dei grillini nei prossimi giorni? Non solo quelli che hanno votato Grillo devono sapere, ma tutti gli elettori di qualsiasi colore che hanno scelto la democrazia e non la violenza.
Grillo sbraita che vuole difendere la Costituzione: ma l’ha mai letta, visto che nei fatti i suoi teleguidati parlamentari hanno già optato per «l’aula grigia»?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano