13.1 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

La Rivoluzione dei centesimi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dai libri di scuola avevamo appreso che in passato c’erano state, citiamo in forma non erudita, la Rivoluzione delle Teste rotonde di Cromwell, la Rivoluzione americana, la Rivoluzione francese, le rivoluzioni del 1848 in Europa (un quarantotto davvero), qualche rivoluzione nella Russia dell’autocrate zar e quella in cui il mondo era stato cambiato in dieci giorni. Con l’avvento della televisione avevamo poi scoperto la rivoluzione cubana di Fidel e quella maoista in Cina di un leader che più che cambiare aveva deciso (imprudentemente) di rovesciare il suo mondo culturale.
Ora, dalla Stampa, apprendiamo che siamo in pieno clima di Rivoluzione dei biglietti di bus e auto a Torino, una rivoluzione che corre sul filo dei minuti e dei centesimi. Ma, al di là di qualche minuto e centesimo in più o in meno, dev’essere qualcosa di veramente grande per l’amministrazione di nostra Signora Appendino che motu proprio ha deciso di aver già salvato Gtt, il cui squilibrio contabile è pari a 133 milioni di euro, probabilmente in forza di questi ultimi artifici contabili sui centesimi.
Del resto, tutto è relativo e, dunque, anche ricavi e debiti si possono relativizzare. Così come le critiche d’insoddisfazione che montano dall’interno del Movimento sociale cinque stelle che siede sui banchi della Sala Rossa nei confronti della sindaca. Quando si dice movimento di lotta, di governo e di opportunismo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano