20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

La preghiera elettorale della Gran Bretagna per la Scozia

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A meno di dieci giorni dal voto sull’indipendenza della Scozia dal Regno Unito prosegue la bizzarra campagna elettorale scozzese così come britannica. Due fronti contrapposti, la Scozia che vorrebbe una sua indipendenza statale e la Gran Bretagna che vorrebbe tenere il suo pacchetto unionista.
Il primo ministro David Cameron sta tentando tutte le strade possibili. Il sondaggio diffuso domenica scorsa, che per la prima volta dava il fronte del “si” in vantaggio, ha allarmato non poco l’establishment londinese. Cameron, insieme al suo vice Nick Clegg, ha deciso di recarsi a Edimburgo come gesto di vicinanza e amicizia, praticamente pregando pubblicamente gli scozzesi di restare con la Gran Bretagna. Una battaglia politica che si sta giocando anche nella simbologia istituzionale: fino al 18 settembre la bandiera scozzese, il Saltire, sventolerà su Downing Street insieme al vessillo britannico, l’Union Jack.
Anche la famiglia reale sta giocando le sue carte, anche se la consuetudine della monarchia inglese imporrebbe una sua imparzialità. In Inghilterra c’è chi sospetta che la tempistica della notizia della seconda gravidanza di Kate Middleton sia stata strumentalizzata a favore del “no” all’indipendenza, facendo leva sulla sensibilità della coscienza dei sudditi. La regina Elisabetta, che attualmente si trova nel castello scozzese di Balmoral, dove rimarrà fin dopo il voto del 18 settembre, non è intervenuta nella disputa, fino ad ora. A mettere però in imbarazzo la regina è stata la furba dichiarazione del primo ministro scozzese, Alex Salmond, il quale ha confermato che Elisabetta rimarrà capo di Stato anche di una Scozia indipendente da Londra, “come lo erano i suoi antenati”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano