12.5 C
Torino
domenica, 19 Settembre 2021

La figlia del pm Rinaudo si presenta alla Regionali con Fratelli d'Italia

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La figlia del pubblico ministero Antonio Rinaudo si candida nella corsa alle prossime regionali in Piemonte con i Fratelli d’Italia. Beatrice Rinaudo, 39 anni, è avvocato e ha deciso di presentarsi nel partito di Ignazio La Russa.
Nessun conflitto d’interessi, secondo la candidata del centrodestra, anche se il padre è trai due più accessi accusatori del movimenti No Tav. Va detto comunque che se eletta la Rinaudo dovrà sicuramente occuparsi della linea ad alta velocità Torino-Lione, come consiglio regionale.
Il lavoro del padre, come dichiara Beatrice Rinaudo, rimane una «battaglia sacrosanta». Non solo. Vorrebbe confrontarsi con i No Tav «se loro accettassero un confronto» – specifica subito dopo.
Infine si dice preoccupata del clima che si respira, che le fa tornare in mente quando era bambina e il padre si occupava delle Brigate Rosse.
Insomma anche per lei il terrorismo nel vicende valsusini in qualche modo deve c’entrare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Nuova Società - sponsor