11 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

La banda dello spray di piazza San Carlo vuole patteggiare per gli altri “colpi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il gruppo di giovani di origine magrebina, conosciuta attraverso i media come “la banda dello spray”, che il 3 giugno 2017, durante la visione in piazza San Carlo della finale di Champions League Real Madrid-Juventus, scatenò, con del gas urticante, il panico tra la folla, vuole patteggiare.

Durante l’udienza preliminare quasi tutti i dieci imputati, chiamati a rispondere, a vario titolo, di furti e rapine avvenute in diverse città italiane e straniere, avrebbe scelto questa strada.

Tra i pubblici ministeri e gli avvocati difensori si sta discutendo sulla quantificazione della pena, che, per le posizioni più gravi, sarebbe al massimo di cinque anni.

Invece per quanto riguarda i fatti di piazza San Carlo bisognerà aspettare il processo, che sarà separato a quattro dei componenti della banda.

Secondo l’accusa la banda si serviva di spray al peperoncino in luoghi affollati e, approfittando della confusione, derubare le persone. Per i pubblici ministeri Roberto Sparagna e Paolo Scafi sono una settantina di capi d’accusa, relativi a 13 rapine e 29 furti.

Tra i colpi messi a segno dalla gruppo di giovanissimi ci sarebbe nel 2017 a un concerto di Justin Bieber a Monza, un concerto di Elisa a Torino, altre manifestazioni a Firenze, Milano, Reggio Emilia e Padova. Ma la banda avrebbe, come detto, agito anche all’estero, in particolare ai festival Notting Hill di Londra e Tomorrowland di Boom in Belgio, in Francia e in Svizzera,  a Zurigo e Berna.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano