18.5 C
Torino
giovedì, 6 Maggio 2021

Il trombettiere Esposito si sveglia, scopre che il Tav costa troppo e suona la ritirata

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È incominciata la ritirata dei Si Tav e il trombettiere che suona le note del dietro-front potrebbe essere proprio Stefano Esposito, il senatore del Partito Democratico ultra-sostenitore della grande opera che è diventato il volto della Torino-Lione.Esposito infatti ha chiesto un’audizione urgente in Commissione Trasporti dei vertici di Rfi e del ministro Maurizio Lupi per avere chiarezza sui costi relativi alla linea, visto che il Sole 24 Ore ha pubblicato documenti dai quali risulterebbe che l’opera costerà 7 miliardi e non 2,9.
«Questa novità – spiega Esposito, – sarebbe frutto di un accordo di programma tra Ministero dei Trasporti e Rfi, di cui nessuno era a conoscenza, men che meno il Parlamento». Il senatore da anni si batte a favore dell’opera, ecco perché il mezzo dietrofront è destinato a fare clamore.
Di qui la richiesta di una audizione urgente dei vertici Rfi, del ministro Lupi e del ministero dell’Economia. «Pretendo una risposta chiara, credibile e certa sui reali costi della Torino-Lione – afferma il vicepresidente della Commissione Trasporti – Quest’opera è al centro di un aspro dibattito e non intendo accettare che non ci sia totale trasparenza e chiarezza sui costi, non mi accontenterò di spiegazioni tecniciste e burocratiche.
Mi auguro di ottenere la conferma che quanto fino ad ora dichiarato e contenuto negli atti legislativi trovi pieno riscontro, nel qual caso chi si è reso responsabile di questi numeri in libertà dovrà pagarne le conseguenze».
In caso contrario, «non indugerò un solo minuto a presentare una mozione parlamentare per chiedere al Governo l’immediata interruzione dei lavori – conclude Esposito – e la rinuncia alla realizzazione della tratta italiana del Corridoio Mediterraneo. Infatti se il costo della Torino-Lione fosse di 7 miliardi meglio pagare le penali alla Francia. Basta con il Paese dei furbi e dei burocrati che decidono senza rispettare il Parlamento».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano