-3 C
Torino
lunedì, 6 Dicembre 2021

Il quartiere Vanchiglia boccia la movida

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ancora sotto accusa la movida torinese, questa volta nel quartiere Vanchiglia. Il consigliere comunale Silvio Magliano del Nuovo Centro Destra porta in aula la mozione sulla vita notturna del quartiere dell’area pedonale tra via Vanchiglia e via San Maurizio, nei pressi di via Santa Giulia. Le lamentele degli abitanti della zona riguardano soprattutto il chiasso notturno, deiezioni umane e sporcizia ovunque, lasciate dai frequentatori dei locali che hanno aperto recentemente. Rifiuti, disturbo delle quiete pubblica e degrado della zona stanno creando forte malcontento tra gli abitanti, che lamentano anche problemi di viabilità dovuti al parcheggio in doppia fila davanti ai locali.
La paura più grande adesso è che il progetto della pedonalizzazione di piazza Santa Giulia possa solo peggiorare la situazione, come in zona San Salvario o in piazza Vittorio Veneto. Magliano interpella quindi il sindaco Fassino e l’assessore al Lavoro Mangone, affinché si convochi con «modalità e tempistiche, un tavolo di lavoro che coinvolga tutte le parti in causa, istituzioni, commercianti e residenti, per stabilire un piano di sviluppo per il quartiere e definire regole chiare e modalità per tutelare le necessità e i diritti di tutti, indirizzando la “movida” e controllando il rispetto delle norme e dei regolamenti». Magliano e i residenti sperano di risolvere la questione prima dell’arrivo della primavera, per difendere la quiete nel quartiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano