16.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Regione, l’immortale Giovine ora è veramente un pensionato

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La storia infinita di Michele Giovine ha finalmente un punto. È decaduto il consigliere regionale capogruppo della lista Pensionati per Cota, condannato per via definitiva a 2 anni e 8 mesi per le firme false che hanno portato all’annullamento delle Regionali. La decisione, presa dalla giunta per le elezioni, ha avuto un travaglio di 13 mesi, visto che Giovine è stato rimosso dal suo incarico a Palazzo Lascaris con un decreto del governo Monti nel dicembre 2012.
La decadenza è stata approvata all’unanimità, con assenti i consiglieri di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli e Marco Botta. Astenuta, invece, Sara Franchino, la compagna di Giovine che ha preso il suo posto in Consiglio. Nessun accordo, invece, per quanto riguarda la permanenza di quest’ultima a Palazzo Lascaris: se la maggioranza di centrodestra ha votato a favore, o membri Partito Democratico e Movimento 5 Stelle sono usciti dall’aula dichiarando di non considerarlo un provvedimento urgente.
Ora la sentenza definitiva è in mano al Consiglio Regionale che si riunirà nei prossimi giorni per sancire definitivamente la decadenza, anche se dopo l’annullamento delle elezioni dovute proprio a Giovine, è di fatto un organo inattivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano