17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Il Partito Democratico piemontese analizza il voto

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

Tempo di verifiche e confronti nel Partito Democratico piemontese, dopo l’inatteso risultato registrato nelle ultime elezioni amministrative a Torino e nei comuni del territorio. Il segretario regionale Davide Gariglio aveva già annunciato la necessità di una discussione per analizzare in modo lucido e serio le ragioni della sconfitta. Tutto questo per capire gli errori commessi e per attrezzarsi in vista delle future importanti sfide elettorali ad Asti, Alessandria e Cuneo, in programma il prossimo anno.

Oggi si è svolto il primo incontro cui hanno partecipato tutti i consiglieri regionali e gli assessori della Giunta guidata da Sergio Chiamparino. Il Presidente della Regione Piemonte era assente in quanto impegnato a Bruxelles sul fronte agricoltura.
Nei quaranta minuti della sua comunicazione il Segretario Regionale ha riconosciuto la sconfitta a fronte di una innegabile voglia di cambiamento, prevalsa nonostante l’esperienza positiva dell’amministrazione Fassino. Sono poi intervenuti l’assessore ai Trasporti Francesco Balocco e il consigliere valsusino Antonio Ferrentino.
L’analisi del voto è stata aggiornata a domani mentre per questa sera è in programma la segreteria regionale. Sabato la direzione del partito chiuderà il ciclo del dibattito interno.

Sul dibattito nel partito si allungano sempre più le ombre e le tensioni legate ai referendum su Italicum e riforme costituzionali voluti da Capo del Governo e del partito Matteo Renzi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano