-0.1 C
Torino
martedì, 30 Novembre 2021

Il nuovo questore di Torino Ciarambino: “Dialogo prima di violenza. Lotte Tav e tensioni sociali nodi fondamentali”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

“Ritengo che dialogare fino all’estremo possibile sia molto importante per stemperare le tensioni, perché l’uso anche quando legittimo della forza deve essere un’estrema necessità quando la divisa e gli ideali che rappresenta vengono violati”. È questa la filosofia del nuovo Questore di Torino, Vincenzo Ciarambino, 60 anni che arriva da Genova e sostituisce Giuseppe De Matteis”. 

“La gestione di Torino è molto difficile è una città pervasa da un continuo impegno della polizia di stato sul fronte dell’ordine pubblico e da una pressione forte sul territorio”. “C’è la Tav, ci sono le problematiche in città” spiega ancora Ciarambino nella conferenza stampa di presentazione. 

“La Questura dev’essere la casa di tutti, una casa di cristallo, si può sbagliare e gli errori si possono commettere ma l’importante è che non siano dolosi o colposi”. “Il nostro punto di riferimento deve essere duplice: per l’attività di repressione l’autorità giudiziaria con i suoi indirizzi e la pubblica sicurezza”, conclude il nuovo questore.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano