14.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

I consiglieri M5s di Torino contro la Cassazione a difesa della cannabis

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I consiglieri comunali di Torino della maggioranza Cinque Stelle sono sul piede di guerra, contro la sentenza della Cassazione che ha stabilito il divieto della vendita della cosiddetta cannabis light.

Mentre Maura Paoli posta una foto, in cui lei e altri due consiglieri grillini, Federico Mensio e Massimo Giovara, mostrano prodotti cannabis, commentando: “Ogni sentenza va interpretata”, un altro esponente della maggioranza, Monica Amore, scrive: «800 sono i negozi che vendono cannabis light senza THC quindi non si può definire droga».

«La cassazione stabilisce che è illegale venderla , questa è una sentenza tutta all’italiana. Cosa assurda». Poi Amore si scaglia contro il suo alleato di governo, Matteo Salvini: «Tanti lavoratori cioè dieci mila rimarranno senza un lavoro, ma a Salvini questo cosa importa, visto che tutto è partito da lui».
«La cannabis per tante persone viene usata a livello curativo ci sono tante associazioni che si battono per questo – aggiunge Amore – Riportiamo le cose giuste al pronto posto. La criminalità ringrazierà tutto questo. Per favore non siamo indifferenti informiamoci prima di giudicare che la cannabis light sia una droga», conclude Amore.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano