15.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Grimaldi: “Morbillo in aumento. Vaccinazioni obbligatorie per accesso agli asili nido”.

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

A un lungo post su Facebook il capogruppo di Sel a Palazzo Lascaris Marco Grimaldi ha affidato il commento sull’aumento nei casi di morbillo a Torino e in Piemonte, rilanciando la proposta dell’introduzione del vaccino come requisito di accesso per gli asili nido.

«Ci risiamo: di oggi la notizia di una nuova recrudescenza di morbillo. 429 casi in Piemonte da dicembre a marzo, di cui 106 a Torino, e nove donne colpite in gravidanza e costrette al parto prematuro. Si diffondono anche rosolia e difterite», inizia Grimaldi, puntando il dito sul calo delle vaccinazioni: «Il caso vuole che contestualmente le coperture vaccinali si siano progressivamente ridotte: nel 2014 la copertura per il ciclo morbillo-parotite-rosolia è stata del 92,29%, quasi tre punti sotto la soglia del 95%. Nello specifico, la copertura del morbillo staziona al 91%. La meningite è al 91,84% per lo pneumococco e all’89,33% per il meningococco».

Il capogruppo di Sel torna quindi a chiedere al governatore del Piemonte una misura forte: «ribadisco al Presidente Chiamparino: la nostra legge regionale per introdurre fra i requisiti di accesso agli asili nido e alle altre strutture autorizzate la certificazione sanitaria delle vaccinazioni va approvata subito. La minor percentuale di vaccinati comporta la perdita dell’“effetto gregge”, ciò significa che i soggetti che non possono essere vaccinati, perché affetti da peculiari condizioni patologiche, si trovano senza alcuna protezione. La presunta libertà di scelta non può mettere a rischio la salute dei minori e della collettività».

«È giunto il momento di cogliere il punto e contribuire tutti ad avviare l’iter di discussione della legge. Non possiamo più aspettare», conclude Grimaldi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano