3.9 C
Torino
mercoledì, 2 Dicembre 2020

Gli auguri di Papa Francesco

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Come vuole la tradizione in questi giorni è un continuo scambio di auguri, anche tra quei condomini che di regola nel corso dell’anno, se incontrano nell’ascensore di casa un essere umano emettono un grugnito equivalente ad un saluto e per darsi un contegno rivolgono subito per la millesima volta lo sguardo verso il cartellino con su scritto “Portata chilogrammi 250, persone tre”.
Non ha rispettato questa regola “del Santo Natale tutti buoni” l’inquilino più importante del condominio che si trova Oltretevere, all’ombra del Cupolone. Senza perifrasi Papa Francesco ha accusato i suoi interlocutori di «Alzheimer  spirituale», «schizofrenia esistenziale»; ha definito la curia vaticana «un’orchestra che produce chiasso», infestata da «esibizionisti, calunniatori, diffamatori, terroristi delle chiacchiere e omicidi a sangue freddo della fama dei propri colleghi».
E per non farsi mancare niente ha condannato l’invidia, la pigrizia mentale, il servilismo.
In una stagione storica, politica e morale come quella che stiamo vivendo, in cui ci capita spesso di non trovare più punti di riferimento, anche un agnostico, non credente, sente con piacere le frequenti parole di Francesco, “Cichin ad Porto Comaro”, come lo chiamano i compaesani della famiglia Bergoglio.
 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, 64 decessi in Piemonte. Calano i ricoveri

Sono 64 i decessi di persone positive al test del Covid-19 registrati oggi in Piemonte. Questo il dato comunicato nel pomeriggio dall'Unita'...

‘Gli sguardi sul MOI’: noir e foto giornalismo raccontano la più grande occupazione d’Europa

Il 30 luglio del 2019 con lo sgombero dell'ultima palazzina terminava l'occupazione dell'ex MOI a Torino, quella che è stata definita la...

Federica Scanderebech passa a Forza Italia: “Torno a casa”

Una foto di lei bambina mentre partecipava ad un evento vicino a Silvio Berlusconi. Con questa voto che mostra sui social e...

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...