2.6 C
Torino
venerdì, 27 Novembre 2020

Gli ambientalisti contro la Regione: “Sulla caccia legge sparatutto”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Riccardo Graziano
Riccardo Graziano
Figlio del boom demografico e dell'Italia del miracolo economico, vive con pessimismo non rassegnato l'attuale decadenza del Belpaese. Scopre tardivamente una vocazione latente per il giornalismo e inizia a scrivere su varie testate sia su carta stampata sia su web.

Il Tavolo Animali & Ambiente ha diffuso un comunicato nel quale stigmatizza le modifiche alla legge regionale sulla caccia approvate dalla Giunta e dal Consiglio a maggioranza di centrodestra.

Nella sostanza, si tratta di un allargamento dell’attività venatoria che amplia notevolmente sia i periodi di apertura, sia il numero di specie cacciabili.

Nello specifico del DDL 83/2020, provvedimento con il quale il Consiglio Regionale del Piemonte, in data 30 giugno, ha approvato l’allargamento dell’attività venatoria, registriamo la dura critica delle associazioni ambientaliste riunite nel Tavolo Animali & Ambiente: “La maggioranza del Presidente Cirio (Lega – Fratelli d’Italia – Forza Italia) ha votato compatta l’aumento di ben 7 specie cacciabili, alcune di pochi grammi e in declino come l’allodola e altre in difficoltà in tutta Europa e in Italia. Sono state aggiunte alla lista delle specie condannate a morte: allodola, fischione, codone, folaga, canapiglia, marzaiola, pernice bianca.”

Viene anche abolito il divieto di caccia nelle domeniche di settembre, dando la possibilità di sparare anche in un periodo generalmente caratterizzato da un clima ancora adatto a passeggiate ed escursioni fuori porta, con evidente aumento del rischio di incidenti a danno dei gitanti.

Vengono altresì abrogati i limiti di ingresso per i cacciatori provenienti da altre regioni, con relativa “perdita del legame cacciatore-territorio” e implementazione di un “turismo” venatorio e predatorio, destinato a depauperare in modo grave la biodiversità e gli ecosistemi del Piemonte.

Non bastasse, viene anche negata ai proprietari di terreni la possibilità di vietare l’ingresso ai cacciatori sui propri possedimenti: “Particolarmente grave è la sostituzione dell’art.6, comma 7 della L.R. n. 5/2018 che – prosegue il comunicato – consentiva ai proprietari dei fondi [di] chiedere il divieto di caccia sui propri terreni per motivate ragioni. L’interesse dei cacciatori ha prevalso su quello di agriturismi, fattorie didattiche, gestori di aree naturali con presenze turistiche, ecc.. La modifica approvata suona come una presa in giro: la domanda per richiedere il divieto di caccia per i proprietari dei fondi compromessi dalla caccia ora sarà possibile presentarla solo entro il trentesimo giorno dalla pubblicazione del Piano Faunistico Venatorio Regionale. Peccato che il Piano faunistico venatorio Regionale previsto dal 1992 non è mai stato approvato e probabilmente non lo sarà mai”.

 Mentre un po’ ovunque cresce una nuova consapevolezza ambientale e da più parti si insiste sulla necessità di tutelare ecosistemi e biodiversità, la Giunta regionale piemontese accoglie quasi in toto le richieste dei cacciatori, solo in minima parte mitigate dalle proteste e dalla valanga di emendamenti presentati dall’opposizione in Consiglio regionale. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Smat, Standard & Poor’s migliora il rating

Passa da BBB- a BBB con un outlook “stabile” il racing di Smat, l’utility torinese a partecipazione totalmente pubblica, che gestisce il...

Torino 2021, Saracco non si candida

Il rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco non si candiderà con il centrosinistra alla corsa di sindaco, nelle amministrative del 2021....

Carretta e Furia: “Primarie sospese, si lavora sul programma”

“Questa sera la coalizione di centrosinistra si è ritrovata e si è registrata un'ampia convergenza sulla proposta del PD: le primarie restano...

Violenza sulle donne e media, blitz femminista contro Rai e Ordine dei Giornalisti

Sanzionato l'Ordine dei Giornalisti, in corso Stati Uniti, e la sede Rai di via Verdi da attiviste femministe nella Giornata Mondiale contro...

In libreria Calma&Karma di Gioele Urso: “Il noir è un modo per far luce su quel che vogliamo ignorare”

Torino, ai bordi di corso Moncalieri, sulle sponde del fiume Po all'altezza del Giardino Ginzburg, viene trovato il corpo senza vita di...