16.4 C
Torino
sabato, 18 Maggio 2024

G8 Genova, l'Ordine dei medici salva il "seviziatore" di Bolzaneto

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il “dottor mimetica” è stato salvato. L’Ordine dei medici di Genova l’ha perdonato, affibbiandogli solamente sei mesi di sospensione dall’esercizio della professione di medico. Giacomo Toccafondi, sul finire dell’estate che viene, tornerà a mettersi il camice bianco.
Toccafondi era il dottore che gestiva l’infermeria della caserma Bolzaneto di Genova durante i giorni del G8 del 2001, quando Carlo Giuliani venne ucciso per strada e la Bolzaneto e la Diaz assunsero le sembianze di mattatoio adibito alla punizione.
L’Ordine dei medici di Genova ha quindi graziato quello che è stato definito come “il seviziatore” di Bolzaneto, che se l’è cavata bene, evitando di doversi reinventare professionalmente a 61 anni. Il processo dell’Ordine è durato otto mesi e si è concluso la scorsa settimana. Il presidente dei medici genovesi Enrico Bartolini ha firmato la sentenza, la quale diventerà esecutiva da lunedì prossimo.
La “fortuna” assiste ancora Toccafondi, che è già stato salvato dalla prescrizione, assieme ad altri 32 imputati, nel processo d’Appello per le violenze di Bolzaneto, nel quale è stato condannato solamente a risarcire le vittime. I reati che gli venivano contestati erano pesanti: omissione di referto, violenza privata, lesioni e abuso d’ufficio. Secondo i giudici della Corte agì con “particolare crudeltà”, ma oggi, per l’Ordine dei medici, tutto è perdonato, tra sei mesi “dottor mimetica” sarà riabilitato alla professione.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano