17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

G7, Montalbano (M5S): “Il Pd scenda in piazza ad ascoltare i disperati”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Sarà che ho l’influenza…Sarà che non sono di buon umore. Sarà che a leggere certe dichiarazioni mi ribolle il sangue. Sarà che ci sono quei momenti in cui uno deve dire basta». Incomincia così il post della consigliera comunale Cinque Stelle Deborah Montalbano, che ha scelto di rispondere, con un lungo post sul suo profilo Facebook, ai timori espressi dai rappresentati dell’opposizione in questi giorni che precedono il G7.
«Alcuni esponenti del PD si dichiarano preoccupati per la sicurezza delle strade e dei Torinesi in previsione delle manifestazioni anti G7 della prossima settimana – scrive Montalbano – Chi ha proposto è voluto il G7 a Torino-Venaria, Venaria-Torino? Il Governo quindi il PD e i suoi ministri competenti».
Poi domanda: «Vi risulta che in tutti questi anni di summit G7-G8-G10-G26543 eccettera in qualsiasi città europea e o italiana che non siano stati fortemente contestati ovunque? Vi risulta che le critiche portate da sempre nelle piazze riguardo il format non partecipativo delle decisioni prese (7-8-10 persone che tirano le fila decidendo il destino di milioni di cittadini) abbia trovato ascolto da parte della politica? Dov’era il PD prima all’opposizione e poi al Governo».
Va avanti il post:«Vi risulta che le preoccupazioni espresse dalle piazze in tutti questi anni di summit si siano rilevate infondate? Ricordiamo: impoverimento dei popoli, disoccupazione galoppante, precarietà e svendita dei diritti dei lavoratori, delle imprese concentrando il potere in mano a pochi finanza e speculatori ci ricordiamo il famoso NO alla Globalizzazione…Il PD si è dichiarato sfavorevole al G7 a Torino secondo voi? No». «Ha mai proposto in tutti questi anni di trasformare il Format di questi vertici e aprire alla partecipazione accogliendo le istanze dalle piazze e aprendo al confronto con esse? No».
«Ha proposto e organizzato in quanto forza di governo questi eventi fuori dai centri abitati?
No, anzi li impone! Ma ancor peggio ha difeso i cittadini dalle scelte sbagliate che questo modo di far politica determina e determinerà e che (questo si) ha creato gravi danni ai cittadini di tutti i settori per non parlare dei più fragili»«Riforme e decreti di questo governo? Parlano di G7 ancora come di un’opportunità! Però a una settimana dal Summit di Venaria scatta la preoccupazione galoppante per le strade e i cittadini Torinesi, perché i cattivi brutti e delinquenti sono i cittadini che manifesteranno il loro dissenso, quindi aspetta aspetta i centri sociali? E i lavoratori che saranno presenti in piazza? I sindacati di base? I disoccupati? Le famiglie senza casa o sotto sfratto ? Gli esodati? Gli anziani con la pensione minima a 480 euro? Chi vive di sociali Card? Chi aveva aziende e ha fallito? Qualunque cittadino che non si ritrova in questo modo di far politica? Chi sono tutti questi cittadini per il PD ? Delinquenti di cui il panettiere, il barista, il carrozziere che lavorerà in quei giorni deve temere? Che esponenti del PD scendano in piazza che si facciano vedere per poter venire ad ascoltare i cittadini di cui tanto oggi la politica si riempie la bocca, abbiate coraggio venite in mezzo alla disperazione, forse finalmente avrete qualcosa da dire al vostro Ministro del Lavoro Poletti», conclude Deborah Montalbano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano