10 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Formentera: l’isola delle Baleari tutta da scoprire

Più letti

Nuova Società - sponsor

Considerata l’ultimo paradiso del Mediterraneo, la piccola isola di Formentera non smette di stregare chiunque le faccia visita. Selvaggia e con quell’allure hippy che ancora oggi si respira nei piccoli centri abitati o nelle numerose stradine sterrate che portano al mare, questa meta tanto ambita è da sempre la preferita da migliaia di italiani. 

Ma cosa ha reso questo fazzoletto di terra così famoso? Sicuramente il suo mare cristallino, le meravigliose spiagge ricche di sfumature rosa e, non da meno, la possibilità di viverla a proprio modo. Camaleontica come poche, quest’isola è in grado di sfoggiare contemporaneamente sia il suo lato più modaiolo sia quello più semplice, di chiara impronta hippy. 

Non è infatti un mistero che, negli anni 70, moltissimi giovani provenienti da tutta Europa scelsero questa piccola isola proprio per la sua unicità: lontana anni luce dal sistema consumistico che si stava diffondendo praticamente ovunque, Formentera resisteva come l’ultimo baluardo della autenticità. Vi basti sapere che, all’epoca, l’energia elettrica era poco diffusa e nella maggior parte dell’isola si viveva seguendo il ciclo del sole.
L’altro suo lato, quello glamour, fatto di calciatori e volti noti della televisione è arrivato poi verso gli anni 2000. Paparazzati sulle spiagge più belle o nei ristoranti più alla moda, questo flusso di vip non ha fatto altro che accrescere la popolarità di Formentera. Solo pochi anni fa, sull’incantevole spiaggia di Ses Illetes, furono avvistati anche Angelina Jolie e Leonardo di Caprio. Insomma se tutti vogliono andare a Formentera un motivo ci sarà! 

Per raggiungerla vi basterà prenotare un volo per la vicina Ibiza e poi dirigervi verso il porto; da lì, in circa 30 minuti di traghetto, raggiungerete la vostra meta. Per godervela al massimo cercate un noleggio auto a Formentera in questo modo sarete autonomi nello spostarvi tra le varie spiagge ed i caratteristici centri abitati. 

Ma quali sono le esperienze imperdibili da fare su questo piccolo angolo di paradiso? Beh a dispetto delle sue ridotte dimensioni, l’isola offre tantissimo. Partite dedicando ogni giorno della vostra vacanza alla scoperta delle sue incantevoli spiagge: se avete avuto la fortuna di visitare i Caraibi, vi renderete subito conto che la differenza non è poi molta!
Il segreto delle acque cristalline di Formentera, è da attribuire alla presenza della Posidonia Oceanica, una pianta endemica che protegge il mare dall’inquinamento ed ossigena l’ambiente marino. A tal proposito risulta impossibile stilare una classifica delle spiagge più belle ma, nello specifico, si possono individuare alcune peculiarità che potranno tornarvi utili nel vostro girovagare. 

Se per esempio avete voglia di entrare in contatto con madre natura e spogliarvi letteralmente di tutto, le calette presenti nella spiaggia di Migjorn, sono il posto ideale dove recarsi. Frequentate da moltissimi naturisti, sono luoghi dove, una grande sensazione di pace e di silenzio la fanno da padroni, Non c’è dunque luogo migliore dove rilassarsi, coccolati solo dal fruscio delle onde. 

Per chi ama invece le comodità come bar e ristoranti, la spiaggia di Es Pujols è senza dubbio quella più attrezzata. Vivace e sempre popolata da tantissimi turisti, è il luogo adatto per chi cerca ogni tipo di comfort poco distante da un mare limpidissimo.
Infine (ma solo per non togliervi il gusto di scoprire tutte le spiagge) una zona di Formentera dove è possibile passare una meravigliosa giornata di mare, è sicuramente quella di Cala Saona. Lontana dai soliti circuiti, offre un ‘ampia spiaggia, un mare dalle mille sfumature di blu e, soprattutto, uno scenario roccioso decisamente scenografico

Ma chi sceglie Formentera non ci va solo per il suo mare trasparente… bensì anche per i suoi celebri aperitivi. Tra i più famosi suggeriamo quello dallo spirito hippy al Piratabus, sulla costa di Migjorn e quello invece più modaiolo e glamour da Chezz Gerdi ad Es Pujols.
A seconda del proprio umore e del proprio stile è infatti possibile scegliere la location più adatta, mica male no? 

Se invece amate mangiare qualcosa mentre sorseggiate un ottimo cocktail, allora il posto giusto per voi è Can Carlitos al porto di La Savina; con una splendida vista sul mare potrete attendere il calar del sole gustando deliziose tapas dello chef Nandu Jubany. 

Un’altra opzione è quella offerta dal Sa Sequi, un locale poco lontano dalla piccola spiaggia di Es Cavall d’Enborras: in una zona potrete accomodarvi per l’aperitivo mentre, in una adiacente, potrete fermarvi per cena appena finito lo spettacolo del tramonto. 

Infine, per chi ama approfondire l’aspetto culturale e storico dell’isola, suggeriamo una visita al piccolo museo etnografico di San Francesc. Poco distante dalla piazza principale e dalla sua meravigliosa chiesa del XVIII secolo, questo luogo magico vi farà fare un vero e proprio salto indietro nel tempo: tantissimi utensili di vita quotidiana, strumenti per lavorare la terra e abiti tradizionali, vi sveleranno come, prima dell’avvento del turismo, l’isola fosse un luogo semplice, dove l’agricoltura e in parte minore la pesca, fossero le maggiori attività praticate dagli abitanti. 

Per quanto riguarda invece la storia più recente dell’isola, dovrete recarvi nella località di La Mola, precisamente all’interno del suo maestoso faro. Dal 2019, vi è presente un museo didattico ricco di testimonianze video, pannelli esplicativi ed oggetti, che ben raccontano il complicato rapporto degli isolani con il mare che li circonda.
Terminata la visita, non dimenticate di sporgervi dalla meravigliosa terrazza che affaccia direttamente sul mare. Sarete come sospesi nel cielo rapiti da un’ineguagliabile sensazione di libertà

Per completare l’esperienza vi suggeriamo poi di sostare davanti al monolite commemorativo, dedicato a Jules Verne; l’autore nel suo libro “Le avventure di Ettore Servadac” cita la località di Mola in un momento storico (1877) in cui Formentera era praticamente sconosciuta a gran parte del mondo. La leggenda vuole che, le informazioni su quest’isola remota, gli furono trasmesse dall’Arciduca Salvatore d’Austria che, attraverso il suo Grand Tour, visitò anche le isole Baleari. 

Anche se le vacanze estive possono sembrarvi lontane, ricordatevi che Formentera è un’isola molto piccola e, data la sua popolarità, potreste non trovare una sistemazione adatta prenotando all’ultimo momento. Giocate quindi d’anticipo e siamo certi che poi, anno dopo anno, non ne potrete più fare a meno!

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano