17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Fondazione Torino Musei, Foglietta: “Leon riferisca al Consiglio. Impossibile che non sapesse la situazione”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non convincono le spiegazioni date dall’assessora Francesca Leon sulla vicenda dei 28 dipendenti licenziati dalla Fondazione Torino Musei. Il giorno dopo il presidio sotto il Comune dei lavoratori, ricevuti poi dai capigruppo del consiglio comunale, è la consigliera del Pd Chiara Foglietta a fare alcune considerazione sulle dichiarazioni della Leon. Facendo notare all’esponente della giunta che l’unico impegno preso per i dipendenti è garantire il riassorbimento degli ex dipendenti comunali: «Il grande impegno del Comune ha prodotto un risultato che ai 5 ex dipendenti comunali spettava di diritto» scrive Foglietta citando la delibera in cui si stabilisce che «Il Comune garantirà ai lavoratori che transiteranno in Fondazione il diritto di rientro in Comune in qualsiasi momento».
La consigliera Pd ricorda poi all’assessora Leon che il presidente della Fondazione è stato nominato dalla stessa Appendino lo scorso dicembre e che «se la Fondazione ha agito in autonomia (come dichiara anche il gruppo consiliare del #M5S), il 5 dicembre (giorno in cui è stato approvato definitivamente il piano divenuto esecutivo il 15 dicembre) chi era seduto in rappresentanza del Comune nel consiglio direttivo? E come ha votato? Seguendo le indicazioni di chi? Me lo diranno gli accessi agli atti che chiederò quanto prima» prosegue Foglietta aggiungendo che verranno chieste comunicazioni urgenti in Sala Rossa sull’accaduto. «Assessora Leon non è ammissibile pensare che lei non conoscesse la situazione. Il Suo compito non è quello di fare tavoli di trattative dopo i licenziamenti, ma di fare in modo che non si arrivi a quei tavoli. A Natale si è più buoni, ma non più fessi».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano