17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Fassino: "La sede fiscale all'estero non significa investimenti altrove"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Cerca qualcosa di positivo il sindaco di Torino Piero Fassino, in una giornata in cui è stata praticamente decretata la morte (già annunciata) della Fiat e la fuga all’estero sotto il nuovo marchio Fca.
Ma il primo cittadino esponente del Partito Democratico vuole, anche se i fatti dicono che quando Sergio Marchionne è meglio andarci cauti, tranquilizzare piuttosto che agitarsi: «La sede fiscale a Londra o la sede legale in Olanda non corrispondono ad alcun investimento produttivo del gruppo in quei Paesi – spiega – Quel che conta è che siano confermate le scelte di investimento e, in particolare, che Torino e l’Italia continuino a essere l’headquarter europeo del gruppo».
«Oggi si giunge a compimento di un importantissimo progetto di politica industriale che da vita al settimo gruppo automobilistico mondiale, in grado di competere su tutte le aree di mercato e in tutte le diverse gamme di prodotto».
«Fiat e Chrysler – aggiunge – se avessero continuato a vivere ciascuna da sola, avrebbero avuto prospettive più incerte di quelle che hanno oggi fondendosi in un unico grande gruppo».
«Un gruppo – prosegue Fassino – i cui siti produttivi continueranno ad essere da domani esattamente dove erano fino a ieri. E se una responsabilità hanno la politica e le istituzioni Š quella di operare per creare le migliori condizioni e convenienze affinché‚ Fiat Chrysler continui a considerare l’Italia – conclude – un paese essenziale per le sue strategie».

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano